Home Sociologia
Home Sociologia
Le donne e la mafia

Autore
Manuela Selva - Università degli Studi di Milano - Bicocca - [2002-03]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 185 pagine
  • Abstract
    La tesi si articola in tre parti distinte; la prima “La mafia: un fenomeno complesso”, composta di quattro capitoli, delinea un ritratto generale dell’organizzazione mafiosa. In particolare, il primo capitolo si sofferma sul nome ed il concetto di “mafia”, sulla sua etimologia, sul suo potere evocativo e, infine, sui particolari e diversi nomi che sono stati associati al fenomeno mafioso nel corso della sua evoluzione. Nel capitolo successivo si indaga sull’origine del fenomeno mafioso; vengono poi ripercorsi i momenti più significativi della sua espansione, mettendo in rilievo i particolari eventi storici che hanno contribuito al suo sviluppo. Il terzo capitolo descrive i motivi per cui la mafia può essere ritenuta ben più di una semplice organizzazione criminale, vale a dire un vero e proprio microcosmo totalitario che si adegua ai caratteri di efficacia ed efficienza richiesti a qualsiasi impresa capitalistica. Nel quarto capitolo, infine, dedico spazio ad una prospettiva storica sulla nascita e sullo sviluppo del movimento antimafia, rilevando come la sua origine corrisponda a quella della mafia e come la sua storia sia parallela a quello della mafia stessa. La prima parte si conclude con una panoramica generale sull’attuale movimento contro la mafia.
    Nella seconda parte del lavoro si affronta il tema della mafia attraverso una lettura di genere: il primo capitolo, in cui viene analizzato il codice della mafia, è dedicato alla dimensione più simbolica del fenomeno. Si descrivono i vari rituali della società segreta, il significato della famiglia nel pensare mafioso e il parallelismo che associa l’organizzazione alla famiglia. Ciò che si vuole dimostrare è che i significati dei vari rituali, il potere ed il controllo all’interno del gruppo sembrano avere una connotazione prettamente maschile; nonostante ciò il femminile rientra, sotto molti aspetti, nel codice culturale della mafia.
    Al tema delle donne nella società meridionale, ed in particolare in quella siciliana, è dedicato il secondo capitolo; dopo un’analisi degli eventi strutturali che, negli ultimi anni, hanno generato dei profondi cambiamenti nella condizione delle donne meridionali, mi soffermo sui caratteri specifici della situazione delle donne del Sud, in particolare sulla valorizzazione che esse costruiscono del femminile e della funzione materna. Viene poi descritto il ruolo del mondo femminile, sia nell’ambito familiare sia nella dimensione pubblica, il potere prettamente simbolico che è attribuito alle donne in entrambi i campi e le poche opportunità tradizionalmente loro concesse di esprimere la propria individualità. In conclusione, si sottolinea il grande potenziale sociale di cui queste donne sono portatrici, la loro predisposizione alla sperimentazione e all’innovazione di gran lunga superiore a quella degli uomini - tutti aspetti oggi sottolineati dai nuovi ruoli sociali che esse vanno assumendo, legati alla crescita dei loro livelli educativi. Il confronto fra tre generazioni di donne del Sud, infine, aiuta da un lato a comprendere i cambiamenti avvenuti negli ultimi decenni nella società femminile meridionale, dall’altro mette in luce il forte legame che le giovani donne mantengono ancora con la propria famiglia e con i valori tradizionali.
    La terza parte è dedicata interamente al ruolo delle donne nell’universo mafioso. Dopo una breve analisi psicanalitica, nel primo capitolo, di come i rapporti di potere e le gerarchie interne alla mafia rispecchino le relazioni di dominio tra i due generi nella vita di tutti i giorni, si entra nel tema delle “Mafia Donna”.
    Questa tesi è correlata alle categorie
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy