Home Sociologia
Home Sociologia
Le relazioni di fiducia nella gestione della conoscenza nelle organizzazioni

Autore
Rosa Postorino - Università degli Studi di Siena - [2001-02]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 193 pagine
  • Abstract
    L'obiettivo della ricerca è stato quello di costruire una teoria del ruolo che la fiducia ricopre nell'ambito dei processi di circolazione della conoscenza, attraverso l'elaborazione di un modello cognitivo delle credenze e degli scopi alla base della decisione di un agente cognitivo (nella fattispecie: un membro dell'organizzazione) di dare e/o accettare conoscenza dagli altri membri (i suoi colleghi).
    La tesi sostenuta è che la fiducia sia uno dei maggiori filtri del passaggio di conoscenza all’interno dell’organizzazione. Tutti gli studiosi di Knowledge Management (KM) avallano questa tesi, ma senza analizzarla e senza darle un assetto teorico. Lo scopo della mia ricerca è stato quello di colmare questa lacuna.
    La ricerca si basa innanzitutto su una ricca tradizione di studi sul tema. Essa presenta una fase di raffronto critico tra le diverse teorie della fiducia nelle organizzazioni, elaborate in discipline diverse (economia, sociologia, teoria organizzativa, psicologia e psicologia sociale, scienze cognitive), con particolare attenzione al modello cognitivo della fiducia (Castelfranchi e Falcone, 1999; 2000; 2001; Falcone e Castelfranchi, 1998). Inoltre, offre un’analisi delle diverse teorie relative alla tematica del Knowledge Management, che mette in luce le riflessioni più interessanti riguardanti il rapporto tra fiducia e knowledge sharing.
    L’obiettivo è stato dunque, in primo luogo, ragionare in maniera interdisciplinare sul tema della fiducia organizzativa, ponendo particolare attenzione alla complessità del rapporto tra circolazione di conoscenza nell’organizzazione e relazione fiduciaria tra i suoi membri. In secondo luogo, è stato quello di proporre un principio d’ordine, ossia un modello cognitivo delle credenze, delle aspettative e delle valutazioni che intervengono nella decisione degli agenti cognitivi di compiere due azioni-chiave nei confronti dei propri colleghi: passare e/o accettare conoscenza. Un modello di questo tipo evidenzia l’impatto della fiducia nel processo di condivisione, mostrando come il trasferimento di conoscenza sia legato ad aspettative fiduciarie, dipendenti dalle motivazioni dell’agente. Esse possono essere relative all’uso della conoscenza passata e/o accettata, oppure identificabili come scopi perseguiti dall’agente che, proprio a seguito del passaggio della stessa, dovrebbero/potrebbero essere soddisfatti.
    Ai fini della ricerca è stato utile effettuare un'indagine esplorativa, attraverso la somministrazione di interviste qualitative, che hanno consentito di confutare, arricchire e sviluppare il modello stesso. L'indagine, che non era finalizzata alla raccolta di dati, bensì alla possibilità di trovare spunti di riflessioni interessanti e tuttavia non contemplati nel modello stesso, è stata condotta in un’organizzazione lavorativa nella quale il tema del passaggio di conoscenza fosse di particolare rilevanza o necessità.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy