Home Sociologia
Home Sociologia
Rilevanza della struttura cognitiva nell'atteggiamento verso ''l'Ebreo''

Autore
Anna Aliotti - Università degli Studi Roma Tre - [1997-98]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 311 pagine
  • Abstract
    Lo scopo di questo studio è di indagare la relazione tra struttura cognitiva ed atteggiamento verso gli Ebrei. Il pregiudizio è un atteggiamento poichè è una risposta più o meno immediata favorevole o sfavorevole verso un determinato oggetto o classe di oggetti, resistente nel tempo; dove il soggetto costruisce attivamente i significati ad esso connessi; costruzione mediata da procedimenti mentali, emotivi e condizioni socio-culturali.
    Mediante l’utilizzo di due strumenti psicometrici, una scala tipo Likert ed il test Significato Esistenziale, si è cercato di individuare concetti e rappresentazioni nei confronti degli Ebrei e come questi si organizzino all’interno dell’atteggiamento. Si è scelto di costruire una nuova scala utilizzando contesti semantici caratteristici di due partizioni uno con un orientamento antiebraico (le frasi sono state tratte dal giornale edito nel 1938 alla luce della promulgazione delle leggi razziali in Italia “La difesa della razza”). L’Altro pro ebraico (scritti di Toaf Capo Rabbino di Roma) per evidenziare il più possibile i due differenti modi di rappresentare l’Ebreo attraverso immagini, descrizioni ed eventi storici. La contrapposizione di due contesti semantici così distanti nella nostra ipotesi iniziale avrebbe dovuto assicurarci una forte aderenza alle due realtà in questione.
    Una volta creato il questionario questo è stato sottoposto ad un pre-test attraverso la sua somministrazione ad alcuni giudici, che avrebbero dovuto indicarci l’orientamento dell’item ed eventuali difficoltà d'interpretazione. Il questionario finale è risultato composto di 60 item. I risultati della scala di atteggiamento sono stati utilizzati per ripartire i soggetti secondo il grado del loro atteggiamento pro Ebreo e studiarne le differenze tra partizioni ad alto, medio e basso pro ebraismo rispetto all’organizzazione dei significati ad esso connessi, tramite la seconda prova.
    La seconda prova “Significato Esistenziale” utilizza gran parte degli stimoli tratti dalle espressioni del primo questionario; l’atteggiamento verso queste frasi è misurato mediante una tecnica indiretta multidimensionale che fa uso del colore. Il colore è qui usato come equivalente “non padroneggiato” del proprio atteggiamento verso l’Ebreo e consente di evidenziare l’organizzazione idiosincratica di credenze-affermazioni inerenti ad un ambito di esperienza. L’uso qui fatto del colore non implica un codice univoco di corrispondenza tra colore e significato del colore, peraltro evidenziato da Max Luscher che distingue tra “psicologia del colore” e “funzione del colore” che risulta dall’ordine di preferenza di un elemento cromatico in una serie ed è informativo dei modi di riequilibrio del sistema psico-affettivo. Nella metodica “Significato Esistenziale” la persona valuta i diversi oggetti e genera inconsapevolmente un proprio codice di valutazione degli oggetti riscontrabile nelle configurazioni dei colori indicati. Il grado di disequivalenza tra configurazioni cromatiche indicate per oggetti diversi consente di evidenziare il grado di pertinenze esistenziale tra gli oggetti in esame. In questo modo, la relazione tra gli elementi della struttura cognitiva è stabilita attraverso l’analogabilità tra le configurazioni di colore indicate dai soggetti, per i diversi stimoli d’atteggiamento proposti. Tipicamente la tecnica consente di misurare il grado di pertinenza esistenziale di oggetti di atteggiamento e di individuare l’organizzazione in sets della struttura cognitiva dell’individuo e la funzionalità strutturale degli elementi della regione dello spazio di vita in esame. Inoltre si è fatto uso di un indice di tensione, infatti, tramite l’impiego del colore è possibile qualificare il sistema di riequilibrio del sistema psico affettivo (tensione) attinente alla risposta omeostatica derivante dalle espressioni alle quali fa riferimento l’oggetto di atteggiamento. Questo può essere opportuno nell’individuare se un significato socialmente condiviso ha in sottoinsiemi di soggetti differenti, caratteristiche diverse per il grado di tensione/conflitto che vi è connesso.
    Questa tesi è correlata alle categorie
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy