Home Sociologia
Home Sociologia
La pubblicità trasgressiva: analisi storica, interpretazione sociologica ed implicazioni manageriali

Autore
Ernesto Ciorra - Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano - [1995-96]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 255 pagine
  • Abstract
    Nella tesi si cerca di rispondere a questi interrogativi:
    come è evoluta la trasgressione nella società italiana, nella sua cultura e quindi nella pubblicità?
    quali comunicazioni pubblicitarie sono state veramente trasgressive?
    quali effetti comporta la veicolazione di messaggi pubblicitari trasgressivi?
    quali sono stati gli impatti indotti sulla cultura italiana dalla diffusione di messaggi pubblicitari trasgressivi?
    quali sono i principali driver di trasgressione percorribili oggi?
    quali criteri per decidere se adottare una politica di comunicazione trasgressiva?
    quali sono le implicazioni di una comunicazione trasgressiva, in termini finanziari e di politica di marca?
    quali i legami tra fidelizzazione e comunicazione trasgressiva?

    L'approccio utilizzato è stato decisamente interdisciplinare. ho fatto ricorso alle categorie interpretative della sociologia, della storia, dell'antropologia e della filosofia, del diritto, della psicologia e dell'economia aziendale. le tematiche di advertising sono state trattate in dettaglio, ma l'approccio interpretativo ha interessato diverse discipline del sapere, nel tentativo di spiegare ed interpretare il senso di cosa è considerabile ''trasgressivo''. E per cercare di comprendere cosa lega la trasgressione con l'economia. Economia che definirei come "quel sottile senso di conservazione della propria vita attraverso l'armonia dei profitti e delle perdite".

    Se volete conoscere i contenuti di dettaglio... leggete la tesi

    ciao ciao...
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy