Home Sociologia
Home Sociologia
Pensare e agire per storie: il contributo di Gregory Bateson alla formazione autobiografica

Autore
Lucio Coticelli - Università degli Studi di Napoli - Federico II - [1998-99]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 148 pagine
  • Abstract
    La presente tesi analizza il contributo del principio del pensare ed agire per storie di Gregory Bateson al modello di formazione autobiografica. Questo principio mette in risalto come ogni persona, ogni essere vivente, ogni sistema sia portatore di una propria storia caratterizzata da complessità e un continuo apprendimento. Questo principio risulta essere di grande utilità per il modello autobiografico, che considera la capacità di raccontarsi, di raccontare la propria storia come mezzo efficace per la formazione.
    Questi due principi, connessi tra loro, risultano di grande efficacia in vari campi. Nella psicologia, nel mondo della scuola, nel mondo della formazione professionale, nel mondo dell'antropologia, in quello delle scienze naturali, e anche nel campo della sociologia. Infatti, tutti ciò che incontriamo sul nostro cammino, come studiosi, come osservatori, o come semplici soggetti agenti, è portatore di una propria storia, di un complesso insieme di relazioni e di apprendimenti, che vanno raccontati. Anche il sociologo, ad esempio, nel momento in cui viene a trovarsi a contatto con datti statistici, non li considera come semplici numeri o frequenze, ma li considera come storie complesse tutte da scoprire e da raccontare.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy