Home Sociologia
Home Sociologia
Il senso della comunità tra gli Anasazi

Autore
Irena Korelc - Università degli Studi di Urbino - [2008-09]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 62 pagine
  • Abstract
    La tesi sugli Anasazi è partita da un semplice aspirazione di scoprire una vecchia civiltà degli americani nativi stabilitisi nel Sud-ovest del Nord America. Il Sud-ovest, il territorio posto in analisi, si estende nel New Mexico, Arizona, Colorado e Utah, e fu il primo a essere popolato dai gruppi seminomadi che si trasformarono più tardi in agricoltori veri e propri (furono i primi a utilizzare un’agricoltura basata sul dry-farming e sull’irrigazione). La diversificazione del territorio permise ai gruppi situati nelle nuove aree di stanziarsi e di cominciare a costruire le case. Col tempo si formarono piccoli villaggi di agricoltori che rimasero pur sempre raccoglitori e cacciatori.
    Nel secondo capitolo difatti descriviamo il graduale adattamento all’ambiente degli antichi, che formavano sempre più comunità collegate tra di loro. Il Periodo Basketmaker risultò corto poiché gli Anasazi cominciarono ben presto a usare la terracotta per creare dei vasi invece dei cesti finora adoperati con maestria. Nella zona dei Four Corners, precisamente, si stanziarono diversi gruppi, tra i quali anche i Hohokam e i Mogollon, con i quali gli Anasazi commerciavano e allo stesso tempo competevano nella lavorazione del vasellame. Gli antichi però riuscirono a usare la loro arte dell’artigianato come bene commerciale anche con le popolazioni più lontane (nei siti degli Anasazi si riscontrano degli oggetti provenienti dal Messico ma anche dalle coste orientali). Lentamente i villaggi formarono delle comunità legate commercialmente al Messico e alle coste orientali del continente che si arricchirono sia culturalmente sia materialmente. La popolazione dei villaggi cominciò a elevarsi e con essa anche il bisogno di cibo e di nuove tecniche per procurarselo.
    Durante il periodo descritto nel terzo capitolo, infatti, la società degli Anasazi subì una forte differenziazione. Con la graduale differenziazione nella comunità anche i villaggi assumono un’estetica caratteristica. Nel Periodo Pueblo Classico, gli antichi costruirono dei villaggi come Pueblo Bonito del Chaco Canyon e le impressionanti cliff houses di Mesa Verde. Il Periodo Classico fu un’epoca si grande fioritura culturale e anche materiale degli Anasazi: le tecniche di lavorazione del vasellame si raffinarono come anche la costruzione delle case. La fioritura della comunità degli antichi comportò anche la differenziazione tra i membri dei villaggi: la più importante differenza si riscontrò tra i sacerdoti e la “gente che lavora la terra”. In questo periodo si cominciò a costruire un maggior numero di kiva, il che fa supporre che gli antichi fossero divenuti molto dediti alle divinità. Nonostante la loro dedizione a queste, già constata dai disegni nelle cave, questo periodo fu pieno di riferimenti religiosi. Si pensa che il periodo fosse lacerato da costanti cicli di siccità, il che era per gli antichi il segno della fine poiché l’agricoltura era di fondamentale importanza per la sopravvivenza di interi villaggi. Costituire il clan dei sacerdoti era per loro come pregare le divinità per un domani migliore. Nonostante tutti gli sforzi gli Anasazi non riuscirono a dominare l’ambiente e ben presto capirono che bisognava lasciare i territori abitati da loro avi da millenni. Tutte le regioni di quest’area infatti vennero abbandonate entro il 1300 d.C.
    L’ultimo capitolo racconta come gli Anasazi non siano scomparsi dopo l’abbandono dei villaggi di Mesa Verde, del Chaco Canyon e di quelli della Kayenta. La specificità degli antichi dopo il distacco totale dalle zone dei loro avi fu proprio nella loro veloce riorganizzazione della comunità. I Pueblo, oggi considerati i loro discendenti, infatti credono che la loro terra d’origine fosse collocata a Nord, nella zona dei villaggi oggi solo in rovine. La società dei Pueblo è ancora oggi una comunità egalitaria fondata sulla differenziazione complessa nei singoli villaggi. Nel mito d’origine dei Pueblo Acoma abbiamo provato a ricostruire la struttura sociale che si formò tra gli antichi. Attraverso il mito, difatti, si riesce a capire come riuscissero a essere una società così complessa e allo stesso tempo ancora egalitaria.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy