Home Sociologia
Home Sociologia
La televisione dagli anni '60 a oggi: cosa si nasconde dietro la maschera della tv, con una particolare attenzione all'azienda pubblica televisiva, Rai

Autore
Giovanni Imasso - Università degli Studi di Torino - [2007-08]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 117 pagine
  • Abstract
    Molte volte mi sono chiesto cosa si nascondesse dietro un mondo televisivo, sempre più dominato dagli interessi politici e capitalisti, e perchè la Rai avesse attraversato fasi molto travagliate nella sua esistenza, spesso condita di critiche di vario tipo.
    La mia curiosità mi ha portato ad analizzare analiticamente il mondo televisivo dalla sua nascita in poi, dal Carosello e i Quiz di Mike Bongiorno all’entrata in scena delle tv private, Fininvest in prima fila, che ha inaugurato la versione commerciale televisiva che, assieme agli interessi politici, hanno reso la televisione, anno dopo anno, un mondo sempre più scolorito, culminato nell’ascesa dei giorni nostri dei costi per i diritti televisivi sportivi e cinematografici, ormai a prezzi sbalorditivi che hanno reso sempre più difficile l’entrata in scena di nuovi committenti per l’acquisto di pellicole di alto livello, sempre più una partita a due tra Fininvest e Rai, definiti da Gentiluomo “i due dinosauri siamesi”.
    Della Rai molte parole sono state dette, spesso negative, riguardo il suo operato però dentro di me sono rimasti interrogativi da chiarire:

    - Cosa si nasconde dietro la bufera che sta investendo la tv pubblica?
    - Davvero la Rai è un’azienda sull’orlo del tracollo finanziario?
    - Esiste oggi una vera concorrenza tra tv pubblica e tv privata?
    - Quante e quali risorse sono riservate in Italia alla Rai?

    A queste domande risponderò nell’ampia sezione dedicata al Caso Rai, dove analizzerò a fondo l’azienda Rai nella sua evoluzione storica evidenziando come le strategie televisive Rai siano variate nel corso del tempo, cambiamenti a volte forzati da una miriade di fatti e misfatti molti dei quali non noti alla platea. A questa disinformazione della Rai si abbina la sua incapacità di aggiornare periodicamente i propri clienti, in questo caso i cittadini, Riguardo le motivazioni delle azioni prese, una mancanza di comunicazione spesso dovuta a vincoli politici di vario tipo che aumenta il malcontento generale.
    La tesi, in generale, presenta poi una parte dedicata alla qualità televisiva, una tematica che sta assumendo sempre più importanza per gli addetti ai lavori del mondo televisivo, specialmente per la tv pubblica, che sente la necessità di avere un indice di gradimento più preciso, sentendosi in dovere verso i propri utenti di fornire un servizio sempre migliore.
    Ho ritenuto opportuno inoltre dedicare una sezione all’evoluzione delle infrastrutture televisive, analizzando parallelamente la situazione italiana e quella europea.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy