Home Sociologia
Home Sociologia
Bande giovanili ed educazione all’affettività

Autore
Mariangela Manfredi - Università degli Studi di Bari - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 120 pagine
  • Abstract
    Il fenomeno delle bande giovanili è una realtà tangibile nella società contemporanea e un argomento problematico da affrontare. La difficoltà nasce considerando la particolare fase evolutiva in cui si trovano gli adolescenti.Infatti la condizione di chi si affaccia alla vita non è facile, la fatica di crescere è notevole perché un profondo disagio è sempre presente anche se spesso non viene esplicitato.Questa condizione di disagio è comune a tutta la generazione che si apre alla vita ed il bisogno di un significativo sostegno da parte della famiglia e della società in generale è identico per tutti i soggetti in formazione. Il comportamento deviante infatti, si manifesta generalmente nel periodo adolescenziale, proprio perché l’adolescenza, in quanto fase di passaggio dall’infanzia alla maturità, è uno stadio nel quale entrano in gioco forze interne ed esterne al singolo, psicologiche e sociali, la cui interazione può favorire, accelerare o ritardare l’accesso consapevole alla vita adulta.
    La mia analisi del fenomeno delle bande giovanili parte proprio dallo studio del disagio e della devianza in tutte le forme, come base, per poi analizzare i vari comportamenti devianti caratteristici dell’età adolescenziale.
    Uno di questi è il bullismo che si costituisce come una degenerazione del comportamento aggressivo degli adolescenti, in cui si assiste a prevaricazione, minacce, ricatti e aggressioni fisiche da parte di un ragazzo o gruppi di ragazzi verso compagni della loro stessa età. Si tratta, infatti, di un fenomeno particolarmente preoccupante, in grado di compromettere in maniera significativa il funzionamento di una classe o, talvolta, dell’intera istituzione scolastica.
    Il bullismo può essere perpetrato da un singolo individuo o da un gruppo, infatti i bulli sono spesso circondati da un gruppo di due o tre coetanei, da cui sono sostenuti e che simpatizza per loro e la maggior parte delle volte il bullismo si presenta proprio come fenomeno di gruppo.Esistono però diversi tipi di gruppi di giovani e non solo quelli che adottano comportamenti devianti ed è per questo che ho considerato necessaria l’analisi delle caratteristiche dei “gruppi” di giovani, le abitudini, il modo di interagire tra loro e con la società, ed infine il contesto in cui vivono.
    Questa tesi è correlata alle categorie
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy