Home Sociologia
Home Sociologia
Economia sociale, beni relazionali e felicità

Autore
Melania Verde - Università degli studi di Napoli "Parthenope" - [2009]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 178 pagine
  • Abstract
    I concetti su cui pone l’accento la tesi sono due. Innanzitutto, l’idea che il comportamento imprenditoriale e più in generale quello dell’agire economico non sono mossi solamente da un interesse particolare, dalla ricerca cioè della massimizzazione dell’utilità individuale; o meglio l’ipotesi per cui l’interesse particolare trova il suo significato più profondo nella relazione, nella comprensione di ciò che lo circonda, fino quasi a diventarne strumento collaborativo. In questo senso, ed è il secondo aspetto, nel “concetto di impresa”, c’è in maniera intrinseca una dimensione di “socialità”, di “relazionalità” e questo, ultimamente, ne determina il valore complessivo.
    Un primo passo verso la considerazione di un agire economico, singolo e organizzato, più ricco e complesso, in cui il concetto di impresa è spogliato da quello di profitto, è rappresentato dall’introduzione, attraverso la L. 118/2005 e il relativo Dlgs 155/2006, della qualifica giuridica di “impresa sociale”.
    Analizzare il valore “culturale” dell’impresa sociale è un aspetto cardine della tesi, in quanto l’introduzione nel nostro ordinamento e soprattutto nel sistema economico della qualifica di impresa sociale testimonia la presa d’atto, da parte del legislatore, e da parte della società italiana, della non necessaria coincidenza tra il concetto di “attività imprenditoriale” e quello di “finalità lucrativa”.
    In particolare, l’analisi dell’impresa in esame è effettuata con riferimento alla prospettiva relazionale dell’Economia sociale, secondo la quale la specificità delle imprese sociali consiste nella produzione di beni relazionali, in grado – a livello micro – di accrescere il benessere individuale e – a livello macro - di attivare processi di accumulazione di capitale sociale nei territori, incidendo positivamente sullo sviluppo sociale ed economico delle comunità, da qui il titolo della tesi di dottorato: “Economia sociale, beni relazionali e felicità”.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy