Home Sociologia
Home Sociologia
La presenza della moda in Internet. Un confronto tra tre aree linguistiche: italiana-inglese-spagnola.

Autore
Roberta Rizzi - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2007-08]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 101 pagine
  • Abstract
    L’obiettivo di questo studio è la rappresentazione della moda sui siti Internet di tre aree linguistiche differenti: italiana - inglese - spagnola.
    L’idea è nata da un interesse per la moda e da una riflessione generale sull’importanza del ruolo di Internet nella realtà aziendale attuale.
    Il nostro lavoro consta di una parte di documentazione secondaria e una parte di ricerca autonoma.
    Per la definizione dell’oggetto di studio, ovvero della moda, abbiamo adottato essenzialmente il punto di vista di George Simmel. Successivamente abbiamo analizzato le fasi più importanti dello sviluppo storico di questo tema socio-culturale.
    Inoltre abbiamo studiato il ruolo che la moda occupa nell’economia dei Paesi appartenenti alle tre aree linguistiche prese in considerazione, presentando i dati statistici tratti dalle seguenti fonti: Camera nazionale della moda, Sistema Moda Italia, National Statistics, Fashion from Spain.
    Per valutare la presenza della moda in Internet ci siamo serviti di due strumenti differenti: il motore di ricerca Google (come esempio di Web tradizionale) e l’enciclopedia on line Wikipedia (come esempio di Web 2.0).
    L’ipotesi di lavoro da cui siamo partiti è che la presenza della moda, indipendentemente dall’area linguistica in esame, è più forte e vivace in Wikipedia, dato che essa è basata su una piattaforma (Wiki) caratterizzata da una concezione dei servizi e delle applicazioni on line, di tipo dinamico e interattivo.
    Definito il fenomeno d’interesse e la tecnica d’indagine, siamo passati alla rilevazione dei dati, prima su Wikipedia, poi su Google.
    Lo studio è stato condotto con lo stesso impianto metodologico per tutte e tre le aree linguistiche.
    Utilizzando Wikipedia abbiamo analizzato il contributo fornito dagli utenti allo sviluppo del termine moda, al fine di ricavare una valutazione complessiva del fenomeno nell’area linguistica di riferimento. Il primo passo è stato quello di osservare attentamente tutti i link presenti nella pagina e ricostruirne la struttura. Analizzando il tipo e la posizione delle parole nel testo, ci è stato possibile cogliere l’idea che gli utenti collaboratori hanno del fenomeno di studio e il grado di approfondimento con cui essi ne hanno trattato i vari aspetti.
    E’ importante sottolineare che i risultati finali ottenuti da questa analisi tengono conto anche dei dati sul numero totale di edits per anno, con particolare riferimento al primo edit e del numero complessivo di utenti che hanno contribuito alla realizzazione delle pagine. I primi dati sono importanti per poter capire la dinamicità e lo sviluppo del fenomeno, il secondo per cogliere il grado di interesse della comunità linguistica riguardo al fenomeno di studio.L’analisi dei siti di moda tramite il motore di ricerca Google è strutturata in più fasi.
    La prima fase si basa sulla ricerca dei primi 100 siti (quindi le prime 10 pagine di Google) che compaiono all’inserimento della parola: moda/fashion.
    Nella seconda fase abbiamo costruito uno strumento di rilevazione di analisi del contenuto: una scheda standardizzata per registrare gli stati in cui, da caso a caso, si presentano determinate proprietà in un insieme di unità d’analisi opportunamente selezionate e divise per aree tematiche.

    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy