Home Sociologia
Home Sociologia
Il controllo del corpo e il tempo del nutrirsi: l'esperienza Slow Food

Autore
Alessia Perozzi - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 130 pagine
  • Abstract
    Questo lavoro di tesi nasce dall’ interesse che un organizzazione come quella eco gastronomica dello Slow Food, ha suscitato nei confronti delle tematiche relative al controllo del corpo e al tempo.
    Per una definizione più esplicativa, il termine eco gastronomia riassume il voler combinare la riappropriazione delle capacità sensoriali, depauperizzate nella società contemporanea, con la salubrità dell’alimentazione e dell’ ambiente.
    Si ritiene che il cibo debba essere equo dal punto di vista della giustizia, sostenibile dal punto di vista sociale.
    Le ipotesi che l’associazione ha stimolato nasce dal fatto che egli agisce sia a livello sociale che culturale. Il primo, perché riguarda la denuncia contro gli effetti collaterali di una società sempre più veloce e informatizzata; il secondo, perché agisce su ogni singolo stimolandone consapevolezze, prese di coscienza e conoscenze che incidono su atteggiamenti e significati legati alla vita quotidiana.
    Mi sono soffermata in particolare, sulle problematiche relative alla costruzione e, mantenimento, della nostra soggettività in relazione ai ritmi dei tempi sociali, che andrebbero a condizionare quelli individuali; il conseguente problema della convivialità che rischia di estinguersi; l’impoverimento di una cultura materiale del cibo che risponde sempre di più ai canoni dell’omogenizzazione e della standardizzazione, compromettendo così, non solo la qualità di ciò che consumiamo in nome della quantità, ma mettendo a rischio anche la sostenibilità dell’ambiente circostante.
    Lo Slow Food diventa così una chiave di lettura per interpretare il problema relativo alla costruzione della soggettività, nel momento in cui il cibo, assunto come metafora dell’esistenza, può diventare uno strumento per controllare il nostro tempo e il nostro corpo.
    Si è svolta un’analisi del testo su un campione di quaranta intervistati facenti parte del movimento, individuando tre ambiti di ricerca: il tempo, la resistenza del locale sul globale e il controllo del corpo.
    L’analisi si sviluppa dalle esperienze personali degli intervistati a proposito di questi temi e indaga su come sia possibile, per i soggetti considerati, il recupero di una lentezza nella vita quotidiana, il riappropriarsi di un controllo del corpo attraverso l’approfondimento di una cultura materiale del cibo e la riscoperta delle proprie capacità sensoriali.
    In conclusione, abbiamo visto che recuperando un modo di alimentarsi tradizionale basato sullo slow food ( lento, conviviale e attento al piacere), si può ristabilire un equilibrio tra benessere interno e bellezza esterna, tra ritmi individuali interni e ritmi sociali e, un effettivo controllo del nostro corpo, inteso come sviluppo di una maggiore auto gestione dei propri sensi, che finiscono per incidere sulle nostre abitudini nell’ alimentazione, nei consumi e sulla percezione di noi stessi.

    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy