Home Sociologia
Home Sociologia
Lo slang degli SMS italiani e spagnoli: comunicazione e creatività

Autore
Barbara Mogliani - Università degli Studi di Macerata - [2007-08]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 49 pagine
  • Abstract
    Oggi ci troviamo in una continua rivoluzione dell'informazione, i cambiamenti, tecnici o sociali sono ogni volta sempre più rapidi e in questo contesto sono i giovani coloro che incontrano una maggiore predisposizione ad adattare il loro linguaggio di fronte a tutte le novità tecnologiche. I linguaggi giovanili si nutrono oggi, più che mai, di proposte televisive particolarmente congeniali, provenienti soprattutto dall'area della comicità, ma non sono da tralasciare gli aspetti legati ai linguaggi delle nuove tecnologie (degli SMS, delle Chat-lines, dell'E-mail), il cui impiego è evidentemente massiccio ed entusiastico proprio da parte delle giovani generazioni.
    Si richiede uno strumento comunicativo @gile, veloce, semplice nelle forme, al quale si può anche sostituire un codice di squilli che sembra poter soddisfare le loro esigenze comunicative più impellenti, dal dire “Ti amo” al chiedere “Quando ci vediamo?”.
    L’informazione si è trasformata oggi in un oggetto di valore che bisogna consumare compulsivamente e gestire a proprio beneficio, oggi abbiamo bisogno di raccontare cose, dobbiamo essere connessi (on-line), il che equivale a dire identificati.
    Nella comunicazione a distanza con gli SMS avvertiamo un vago senso di onnipotenza e di ubiquità, che ci permette di regolare e aggiustare le nostre distanze a quelle degli altri. Se il telefono di chi riceve è acceso e non ci sono problemi di comunicazione, un SMS arriva in più o meno sei secondi, creando un’illusione di sincronia tra chi lo manda e chi lo riceve. Per questo motivo, è un mezzo abbastanza economico che produce un piacere innegabile perché sembra eliminare qualsiasi distanza fisica e ricorda una comunicazione quasi faccia a faccia, come se potessimo ascoltare le parole della persona che ci scrive e non, come succede nella realtà, di leggerle.
    In questo lavoro ho voluto analizzare il linguaggio che i giovani più di altri utilizzano ogni giorno attraverso l’invio degli SMS (acronimo di Short Message System), i messaggi che inviamo attraverso il telefono cellulare, un modo d’esprimersi che sembra danneggiare le norme di scrittura, l’espressione e le regole basiche della comunicazione scritta, utilizzando un linguaggio nato da una doppia finalità: comunicare di più in meno tempo e con il minor costo possibile.
    I primi due capitoli sono centrati sull’analisi del linguaggio tipico che scaturisce dalla comunicazione via SMS e sulle funzioni di questi messaggi, sulle motivazioni che spingono, soprattutto i giovani, a preferire la comunicazione via SMS ad altre modalità di interazione. Gran parte del lavoro verrà però dedicato alle peculiarità grammaticali, morfo-sintattiche, semantiche, pragmatiche e stilistiche di questo linguaggio, relative alla lingua italiana e spagnola. Due realtà diverse che utilizzano però uno stesso linguaggio sintetico e rapido, ma tutt’altro che povero di espressività. Sia in italiano sia in spagnolo la scrittura è molto simile al parlato e la necessità di essere succinti induce a ridurre, contrarre il testo, ad accorciare le parole, ad abbreviazioni.
    Partendo da queste considerazioni, l’obiettivo di questo elaborato è di offrire alcune indicazioni utili a chi vuole capire le caratteristiche morfosintattiche che regolano il linguaggio utilizzato negli SMS dai giovani italiani e spagnoli; una nuova forma di scrittura che è causa e, allo stesso tempo, conseguenza di una globalizzazione della comunicazione che permette a chiunque di comunicare con efficienza, rapidità ed economicità in qualunque parte del mondo, riducendo le barriere causate dalla distanza fisica. Allo stesso tempo, intendo dimostrare, citando alcuni esempi di questa scrittura, come, seppure fatto di abbreviazioni e popolato di emoticon, tale lessico possa essere considerato una delle forme più ingegnose e creative di comunicazione dei giovani, un gioco, una sperimentazione, una fantasia, un'impertinenza, una sfida nel secolo XXI.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy