Home Sociologia
Home Sociologia
Le professioni del cinema e dello spettacolo nella civiltà dell'immateriale

Autore
Maria Baldini - Università degli Studi Roma Tre - [2007-08]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 81 pagine
  • Abstract
    Nella nostra civiltà si è andati progressivamente affiancando alla distribuzione dei beni lo scambio delle informazioni. L’avvento dell’industria culturale e delle tecnologie elettroniche e informatiche ha spostato la produzione dei beni materiali a quelli immateriali, con una profonda incidenza sulla vita ma soprattutto sulla mentalità dell’essere umano. Questo implica che tutte le categorie fondanti del sociale, della politica e dell’etica devono confrontarsi con la nuova produzione immateriale, che influenza dall’interno i nuovi comportamenti.
    Fattori essenziali di questa trasformazione sono l’elettricità e la sua applicazione nel campo dei media, dei mezzi e dei processi di comunicazione, che hanno come conseguenza l’abolizione dello spazio, con la possibilità di avere contatti simultanei, in tempo reale e del tempo. Nel nostro lavoro andremo ad analizzare quali siano nel dettaglio i meccanismi e i processi della produzione del cinema e della televisione, soffermandoci in particolare su quanto concerne la ‘macchina selettiva’ dei protagonisti e delle comparse (generici o più semplicemente definiti pubblico o spettatori) che popolano il piccolo ed il grande schermo, senza peraltro trascurare il mondo della pubblicità.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy