Home Sociologia
Home Sociologia
Le transizioni scuola-lavoro dei giovani. Teoria ed evidenza empirica

Autore
Rosinella Mirra - Seconda Università degli Studi di Napoli - [2007-08]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 53 pagine
  • Abstract
    Questa tesi pone la sua attenzione sulle modalità di transizione dalla scuola al lavoro, uno dei motivi che spinge a preoccuparsi di questo problema è la disoccupazione giovanile che in alcuni paesi è più elevata di quella degli adulti, giacché i sistemi d’istruzione sono diversi e le problematiche del mondo del lavoro sono affrontate in modo diverso.
    Il lavoro si compone di quattro capitoli.
    Nel primo capitolo si è considerato il gap di esperienza lavorativa dei giovani, analizzando la teoria del capitale umano e le cause delle differenze nei relativi tassi di disoccupazione, soffermandosi soprattutto sulla differenza tra tassi di disoccupazione giovanile e quella degli adulti.
    Nel secondo capitolo sono state analizzate le teorie liberiste, ossia le teorie di Clark e Summers e la flessibilità nel mondo del lavoro che, in Italia, è aumentata con l’introduzione del pacchetto Treu e della legge Maroni. Si è analizzato, inoltre il salario d’ingresso che è identificato come un ulteriore mezzo per aumentare la flessibilità nel mondo del lavoro e l’occupabilità dei giovani che hanno una minore produttività rispetto agli adulti.
    Nel terzo capitolo sono state trattate le critiche alle teorie liberiste, in particolare, la teoria di Becker, di Heckman e di Borjas e il problema del precariato e dei contratti temporanei.
    Infine, nel quarto capitolo sono stati considerati il sistema d’istruzione e le difficoltà d’ingresso nel mondo del lavoro in diversi paesi europei.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy