Home Sociologia
Home Sociologia
Il mobbing nel rapporto di lavoro

Autore
Barbara Cionini - Università degli Studi di Pisa - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 179 pagine
  • Abstract
    La trattazione analizza le problematiche di carattere giuridico relative al complesso fenomeno del mobbing, individuando norme ed istituti di possibile applicazione. Contestualmente sono esaminate, in modo puntuale, le principali sentenze di merito e di legittimità intervenute in materia. Partendo dall’imprescindibile problema della definizione e dell’inquadramento giuridico del fenomeno, dovuto alla mancanza di una legislazione ad hoc, si proseguirà nell’esame degli strumenti normativi, sia internazionali che nazionali, per apprezzarne la sufficiente presenza al fine di tutelare a pieno la vittima. Dal variegato panorama giuridico, la tutela civile si distingue per essere quella più adatta a proteggere il lavoratore, vittima di quei comportamenti vessatori, ostili e non etici, posti in essere in forma sistematica, da uno o più aggressori in posizione superiore, inferiore o di parità, volti ad arrecargli danni di vario tipo o gravità. Ne consegue la possibilità, dopo aver superato il difficile ostacolo dell’onere della prova, di ottenere il risarcimento del danno subito. In particolare, il c.d. danno esistenziale è la figura di sintesi che più si adatta alla fattispecie del mobbing. Infine, si valuteranno le prospettive di tutela sul piano assicurativo previdenziale, dopo l’annullamento della circolare INAIL sul risarcimento del danno da costrittività organizzativa.
    Solo un’adeguata comprensione del fenomeno sarà in grado da una parte, di evitare il rischio di banalizzazione, e dall’altra di compiere un salto di qualità dal punto di vista della tutela.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy