Home Sociologia
Home Sociologia
Amartya Sen: oltre i paradossi della felicità

Autore
Veronica Tronnolone - Università degli Studi di Firenze - [2006-07]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 260 pagine
  • Abstract
    Qualcosa cambia nel modo di immaginare la felicità, quando ogni strategia è obbligata a passare per un mercato. Oggi l’apparato dei mezzi di comunicazione esercita una grande influenza sui diversi progetti di vita degli individui, ed è soprattutto la pubblicità a rivelarsi un grande catalogatore della felicità, collegando al prodotto x una condizione in cui il tipo di soggetto rappresentato (donna, bambino, anziano…) può sentirsi felice. Inscatolata e predeterminata la ricetta della felicità viene così prescritta al pubblico, attraverso una pubblicità capace di rassicurare, mettendo a disposizione un enorme mercato di piaceri, circa lo spazio di libertà di cui ciascun individuo può godere. Tutto ciò accompagnato dalla consapevolezza della fame e delle deprivazioni di cui una parte del mondo è costretta a soffrire. Il nostro vorace ed inarrestabile modello di benessere può in qualche modo essere ostacolato dalle immagini della miseria del mondo?
    Come può non pesare, sul nostro fragile edonismo, il dolore, la mancanza di garanzie e di dignità riservate alla stragrande maggioranza del genere umano?
    Come vedremo nella parte conclusiva di questa tesi, questa questione è presentata dal premio nobel Amartya Sen come un paradosso della felicità a cui la società contemporanea deve dare una risposta; l’approccio delle capacità si dimostrerà strumentale nel pensiero di Sen proprio ad impedire di distogliere lo sguardo dalle terribili privazioni e dalle enormi diseguaglianze tuttora esistenti nel mondo.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy