Home Sociologia
Home Sociologia
Il migrante turco tra imprenditoria etnica e organizzazioni religiose: la realtà della città di Como

Autore
Laura Pirotta - Università degli Studi di Milano - [2007-08]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 157 pagine
  • Abstract
    I turchi sono una delle maggiori popolazioni di emigrazione al mondo ma la loro presenza nella nostra penisola è quantitativamente irrilevante, essi occupano soltanto la trentottesima posizione nella classifica delle nazionalità soggiornanti nel nostro paese.
    La loro presenza è però visibile nella cittadina comasca, il territorio che sembrerebbe essere stato scelto dai primi turchi giunti in Italia e che ad oggi ne ospita il maggior numero.
    Como rappresenta dunque una città “particolare” poiché ospita il maggior numero di turchi sul suolo nazionale e, come è mostrato nell’elaborato, molti sono gli spazi in cui il migrante turco risulta essere un protagonista.
    Nella ricerca ho cercato di descrivere la realtà nella quale sono immersi i migranti di origine turca e per farlo mi sono servita di tecniche qualitative, in particolare di interviste in profondità e dell’osservazione partecipante. Ho cercato di assistere al maggior numero di eventi organizzati dai turchi presenti a Como e per dar loro una “voce”, nella tesi, sono presenti stralci delle interviste che ho condotto.
    L’elaborato è suddiviso in sei capitoli.
    Nel primo capitolo evidenzio le peculiarità della migrazione turca in Europa occidentale, descrivendo le modalità attraverso cui le persone di origine turca hanno raggiunto gli stati dell’Europa continentale in un periodo in cui le economie erano ancora di tipo classico, caratterizzate dalla fabbrica e dalle grandi industrie.
    Il secondo capitolo è dedicato alla metodologia utilizzata, ho cercato di esplicitare tutti i passaggi e i problemi incontrati nella ricerca al fine di presentare un resoconto riflessivo.
    Il terzo capitolo si focalizza sulla presenza turca nella città di Como, cercando di comprendere il motivo per cui è stata scelta questa piccola città di provincia.
    Il quarto capitolo è dedicato ad uno dei temi principali della ricerca ovvero il lavoro autonomo intrapreso dal migrante turco. Dopo una prima parte dedicata all’imprenditoria etnica in generale ed in riferimento ai turchi presenti nella città di Como analizzo tre tipi di imprese gestite da loro: le imprese aperte ossia pizzerie ed attività edili, i döner kebap in cui pongo l’interrogativo se siano ristoranti etnici oppure un surrogato di McDonald’s ed infine analizzo due imprese commerciali, che si differenziano dai classici settori occupati dai migranti di origine turca quali l’edilizia e la ristorazione.
    Il quinto capitolo ha lo scopo di introdurre quello successivo ed è dedicato all’Islam presente in Turchia. In particolare analizzo il passaggio dall’Impero Ottomano alla repubblica presieduta da Mustafa Kemal Atatürk descrivendo le leggi, in favore del laicismo, promosse da quest’ultimo.
    L’ultimo capitolo è infine dedicato alle quattro organizzazioni religiose presenti sul territorio comasco (Millî Görüş, Süleymanci, Diyanet e Nurcu) e alle abitudini religiose dei turchi della diaspora. Analizzo le singole organizzazioni descrivendo oltre alle loro peculiarità anche come sono nate e sviluppate, cercando di analizzare anche i conflitti e le incomprensioni che corrono fra le quattro associazioni. Un paragrafo più dettagliato è dedicato, infine, all’organizzazione Millî Görüş, quella che ho avuto modo di frequentare con più assiduità, in cui descrivo l’intricata struttura interna all’associazione.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy