Home Sociologia
Home Sociologia
"Terrorista?" "No, rifugiato politico" La rappresentazione dei rifugiati e richiedenti asilo nella stampa italiana.

Autore
Isabella Peluffo - Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia - [2007-08]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 178 pagine
  • Abstract
    Oggetto dell’indagine sono stati gli articoli di stampa riguardanti rifugiati e richiedenti asilo pubblicati dal Corriere della Sera e La Repubblica dal 2005 al 2007. Un tale lungo periodo ha permesso di analizzare il discorso emerso dai quotidiani in base alle teorie dell’ agenda setting (che agisce in termini di settimane e mesi), riguardante il processo con cui i mass media comunicano ai membri della società quali sono gli argomenti su cui riflettere; e la spirale del silenzio (che agisce in termini di mesi e anni), cioè il processo che determina l’affermarsi di opinioni e punti di vista corretti a discapito dei punti di vista inusuali, che vengono taciuti fino a scomparire dalle conversazioni. Emerge come la risposta delle elite politiche agli eventi informa fortemente l’agenda dei giornalisti. Il sistema politico ha il potere di definire quando e come discutere di un dato argomento e di definire anche quali sono le alternative possibili alla discussione. Focalizzando il discorso mediatico-politico sugli ingressi in Italia su pochi temi, come la sicurezza, la legalità, viene diffusa una informazione poco accurata rappresentante una realtà distorta e diffamante verso i rifugiati. Il rischio che si crea è che se i richiedenti asilo, i rifugiati ed i migranti presenti in un paese ritengono di essere rappresentati nei media come cittadini di secondo rango, ciò può accrescere il senso di esclusione e di marginalizzazione.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy