Home Sociologia
Home Sociologia
In media stat Europa: televisione e identità europea nell'era della globalizzazione. Prospettive e limiti di una Tv europea.

Autore
Giulia Matticari - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [1998-99]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 260 pagine
  • Abstract
    La definizione di un'ipotesi di progetto per la costruzione di una televisione europea tiene a fondamento strutturale l’esame, in una prospettiva storica, dei processi di sviluppo dell’unificazione europea da un lato, dall’altro l’esperienza televisiva delle realtà statuali europee (Gran Bretagna, Germania, Francia ed Italia in particolare). L’intreccio funzionale e l’evoluzione verso una dimensione sovranazionale di questi due percorsi, che hanno alle spalle lunghi periodi di separatezze, sembra convalidare in modo convincente l’ipotesi progettuale di una televisione europea. A sua volta tale iniziativa può - per una serie ampia di motivi - generare accelerazioni e qualificazione nel processo di unificazione europea: la Tv è fattore di promozione di una coscienza comunitaria allo stesso modo in cui ha favorito in molteplici realtà processi di effettiva unificazione nazionale, superando separatezze e definendo identità comuni progressivamente condivise. La televisione europea quindi come prodotto e motore, allo stesso tempo, di innovazioni diffuse nella cultura e nella mentalità ma anche nelle tecnologie, nelle infrastrutture, nei modelli organizzativi.
    Costruzione europea e televisione europea trovano legittimazione non come obiettivi finali - in certo modo autoreferenti - ma, nella fase attuale, come punto di passaggio qualificato verso orizzonti planetari della comunicazione e dei rapporti tra i popoli, verso l’affermarsi della società dell’informazione. Le trasformazioni tecnologiche e dei mercati, il cammino della ricerca, la crescita culturale, sono talmente rapide (seppur a volte contraddittorie e confuse) che il cammino verso la globalità e la parallela ridefinizione del locale si affermano quotidianamente, possono essere rallentati o deviati, ma non fermati né evitati. L’idea stessa di Stato nazionale, che per secoli ha organizzato gli spazi territoriali ed identitari, è oggetto di discussione. La Tv, come elemento fondante della modernità, non può non risentire di questo processo, non può non accompagnarlo promuovendolo.
    Il punto successivo e derivato è: quale modello per una televisione europea dotata di senso e ruolo? Come collegarsi al mercato (globale) della comunicazione, come competere con emittenti nazionali senza stravolgerne ruolo e funzioni, come svolgere la missione assegnata senza vivere di sole contribuzioni pubbliche? La risposta non contempla semplificazioni né modelli predefiniti, attiene, al contrario, alla complessità ed all’area della sperimentazione. Ma, poiché la televisione europea si pone quale Tv di nuova concezione e presenza, e non semplice fotocopia ingrandita a livello continentale delle televisioni nazionali, essa necessita di un progetto solido e condiviso. A tal proposito si attribuisce ovviamente un ruolo fondamentale, promotore e garante, delle istituzioni comunitarie (sebbene non si ipotizzi un modello di televisione diretta emanazione del governo comunitario). Del resto fondamentale è stato fin qui tale ruolo espresso sia attraverso il finanziamento di programmi specifici che nel lavoro di armonizzazione delle legislazioni nazionali.
    Obiettivo di medio termine è quello di passare dal tempo delle televisioni europee a quello della televisione europea, non sostitutiva, bensì complementare alle televisioni nazionali e capace di avere una sua identità specifica. Il problema non è quello di ampliare l’area commerciale e di scambio o l’audience delle reti nazionali, ma di costruire un’unità organizzativa e produttiva strutturalmente sovranazionale. La scelta delle tecnologie e dei modelli produttivi, i processi di formazione dei quadri e dei giornalisti, la composizione dei primi organismi di gestione e produzione, la costruzione del palinsesto (preferibilmente monotematico e multigenere), la vocazione multirazziale e multiculturale (rapportata all’identità europea necessariamente aperta, inclusiva e differenzialista), saranno riferimenti progettuali fondamentali. Al contempo non sarà secondario il problema relativo alla definizione delle “regole”, dei controlli e delle garanzie, rispetto alle quali l’esperienza diffusa indica la necessità di una definizione previa.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy