Home Sociologia
Home Sociologia
Crescere giocando: l'importanza dei giochi da cortile nell'età evolutiva

Autore
Giuseppe De Santis - Università degli Studi di Roma Tor Vergata - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 84 pagine
  • Abstract
    Molti autori tra i quali Huizinga e Caillois o pedagogisti e psicologici come Piaget e Freud hanno affrontato l’argomento gioco, non riuscendo però a dare ad esso un significato univoco.
    Tutti però sono concordi nell’assegnare al gioco un ruolo primario nella crescita psicofisica dei bambini. Ciò significa muoversi ed agire in presenza d’altri compagni con quello che ne consegue: complicità e solidarietà o anche opposizioni ed interferenze. In questa situazione sociale, il movimento nel bambino assume una particolare importanza per il suo sviluppo motorio.
    Recenti studi, effettuati soprattutto sui primati, dimostrano come il gioco, anche negli animali non sia un fenomeno casuale, ma come per gli uomini di fondamentale importanza per la loro crescita evolutiva. È stato scientificamente provato che gli animali che hanno una infanzia più lunga e che quindi giocano di più siano poi quelli più intelligenti.
    Nel libro “l’allenamento ottimale” Weineck ci indica quale è la strada giusta per allenare sin da piccoli le capacità coordinative e condizionali, proponendo una serie di esercizi a carattere ludico basati soprattutto sul “rincorrersi” ed “acchiapparsi” tipici dei bambini.
    I giochi da cortile sono ricchi di queste situazioni motorie: correre, schivare, accelerare, frenare, cambi di direzione sono per il bambino un impegno motorio elevato, anche dal punto di vista nervoso, anche più alto a volte dello sport stesso.
    Possiamo fare alcuni esempi:
    La progressione di difficoltà nel gioco della “Campana” può benissimo essere usata per sviluppare adeguatamente le capacità coordinative. Basti pensare che si salta su una gamba sola (sviluppa forza), stando bene attenti a non calpestare le righe che delimitano i quadrati che la compongono, sviluppando così un buon equilibrio di base. In una seconda fase si cammina ad occhi chiusi senza far cadere una pietra che si è posta sulla fronte, esaltando così la “propriocezione”, ecc. ecc.
    Nel gioco dei “Quattro cantoni”, qualità importanti sono la velocità, la capacità di osservare il segnale d’intesa, abilità di scelta del tempo e dello spazio.
    Gioco essenziale allo sviluppo cognitivo.
    I programmi ministeriali per la scuola materna ed elementare sembrano recepire, almeno in teoria, l’importanza dell’attività motoria nei bambini. Dico in teoria perché poi in pratica questo non avviene. Le ore di attività motoria sono poche, le maestre non hanno sufficiente preparazione. Allora, visto che i giochi da cortile possono integrare o essere un’alternativa alla normale educazione fisica, perché non provare ad introdurli nelle scuole? Tra l’altro questi giochi sono conosciuti un po’ da tutti e sarebbe abbastanza facile proporli ai bambini, che svolgerebbero una giusta attività motoria in modo giocoso e divertente.
    Questa tesi ha affrontato il gioco dal punto di vista storico, psicologico, Sociologico, Etologico, ma visto che siamo in un corso universitario di Scienze Motorie, dal punto di vista motorio.
    Le mie conoscenze, acquisite in tre anni di studi universitari, unite alle mie esperienze personali e dirette con i bambini, mi fanno pensare ed ipotizzare che i giochi da cortile possano essere un valido aiuto nell’acquisizione delle capacità coordinative e condizionali nell’età evolutiva. Naturalmente i giochi da cortile non pretendono di sostituire l’attività sportiva e tantomeno l’educazione fisica che deve essere svolta nelle scuole.
    Questa tipologia di giochi deve essere, a mio parere, soltanto un valido metodo alternativo o un complemento efficace alle normali attività sportive e all’educazione motoria che si svolge nelle scuole, soprattutto in quelle materne ed elementari.
    Se pensiamo che l’attività motoria sia importante, è necessario, allora, educare le persone fin dall’infanzia a farne un giusto uso.
    Per questo credo sia auspicabile un maggior numero di ore di educazione fisica nelle scuole che possa garantire una maggiore “quantità” e “qualità” dell’attività stessa.
    Questa tesi vuole essere, soprattutto, la base per un successivo lavoro sul campo, nel quale queste ipotesi possano essere suffragate da test che ci permettano di valutare se, questi giochi, come si suppone, possano essere effettivamente utili nella costruzione e nel miglioramento delle capacità motorie dei bambini in età evolutiva.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy