Home Sociologia
Home Sociologia
Permanenze rituali e influenze culturali nel fare famiglia a Nord Est. Il caso veneziano

Autore
Davide Bergamasco - Università degli Studi di Padova - [2006-07]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 186 pagine
  • Abstract
    In questa nuova dimensione comunque persistono elementi che provengono dal passato e che caratterizzano il “fare famiglia“.

    Nell’Europa meridionale, dice D. Reher, i legami fra genitori e figli e fra fratelli permangono intensi per tutta la vita, mentre nei paesi centro settentrionali si attenuano già alla fine dell’adolescenza.

    Ecco che allora, se fosse fondata questa ipotesi si potrebbe comprendere come la “famiglia forte” sia in grado di condizionare profondamente la vita dei singoli nell’intera organizzazione sociale dei paesi dell’Europa del Sud.

    Un processo a livello mondiale come quello della globalizzazione, assieme alle permanenze culturali provenienti dal passato si interseca nell’Italia del terzo millennio producendo effetti particolari e singolari.

    I coniugi intervistati, che si sposano in municipio e diventando genitori chiedono il battesimo del/la figlio/a, rappresentano l’esempio più lampante dell’intreccio dei processi sopra descritti.

    La scelta del rito matrimoniale laico è tipica di chi intraprende una direzione che tende ad allontanarsi dalla tradizione religiosa di appartenenza, è figlia del disincantamento del mondo, della sua razionalizzazione e del così detto processo di secolarizzazione, mentre quando le stesse coppie, alla nascita del figlio, scelgono il rito del battesimo rientrano perfettamente nella pratica secolare della chiesa cattolica, e quindi nella tradizione religiosa più classica.

    I processi sopra descritti spesso vengono vissuti nella normalità più totale, non rappresentano nulla di strano, sono considerati dalla “ gente ”pura e semplice normalità.

    Sposarsi con rito civile ma battezzare i propri figli viene vissuta come semplice normalità, abitare a casa dei propri genitori fino ai 30 anni è oramai consuetudine, abitare vicino alla famiglia di provenienza sembra ovvio e doveroso, ecc.

    Questi processi sociali non devono passare inosservati, dovrebbero almeno far nascere una certa curiosità, una voglia di comprendere perché accade tutto ciò…
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy