Home Sociologia
Home Sociologia
Web Tv e informazione ''dal basso''

Autore
Arianna Ceccarelli - Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma - [2006-07]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 188 pagine
  • Abstract
    Con questa tesi intendo osservare il fenomeno della Web Tv partendo dal presupposto che, nel passaggio da “Old media” a “New media”, cioè da vecchi mezzi a nuovi mezzi di comunicazione di massa, a risentire del “salto tecnologico”, quantomeno da punto di vista quantitativo, siano i contenuti che è possibile mettere in circolazione. Piuttosto che dal punto di vista prettamente tecnologico, infatti, il fenomeno viene studiato alla luce delle nuove possibilità che Internet è in grado di offrire all’individuo, consentendogli di recuperare un ruolo attivo all’interno dello scambio comunicativo. La televisione, la radio, i giornali e, in una parola, tutti i cosiddetti mezzi “tradizionali”, grazie all’avvento di Internet, hanno subìto una trasformazione più o meno radicale, grazie alla possibilità, data dalla Rete, di moltiplicare il numero di canali attraverso i quali diffondere informazioni, idee, notizie ecc. Il mezzo che maggiormente ha risentito del salto tecnologico è stato, a mio avviso, proprio la televisione. L’avvento di Internet ha infatti rivoluzionato il concetto stesso di Tv al quale siamo tradizionalmente abituati. Da mezzo “verticale”, quale è sempre stato infatti, la televisione ha subìto, grazie all’approdo in Rete, un capovolgimento radicale, trasformandosi in un mezzo “reticolare” o (e questo è il caso più frequente) “a verticalità ‘invertita’”, come ho voluto definirla.
    Possiamo parlare di “verticalità ‘invertita’” dal momento che, grazie alla possibilità, data all’utente, di recuperare il ruolo attivo che, la Tv tradizionalmente intesa, gli aveva sottratto, chiunque può creare una Tv e trasmettere i contenuti che ritiene più opportuni. Non solo. Le stesse Tv tradizionali, hanno trovato nella Rete un potente canale attraverso il quale riprodurre ciò che va in onda nella tradizionale trasmissione televisiva, ma anche approfondimenti, contenuti interattivi, interviste a personaggi famosi oppure contenuti che, per motivi che possono essere diversi (censura, poca rimuneratività ecc.), non abbiano trovato la giusta collocazione all’interno del palinsesto tv. Ci sono poi tutte quelle Tv nate esclusivamente in Rete, quattro delle quali sono state da me analizzate nella tesi: Arcoiris Tv, YouTube, Donna Tv e Diregiovani. Il risultato è una Tv interattiva, nella quale non è l’emittente che, dall’alto, invia un segnale (una trasmissione), obbligando il telespettatore a subire passivamente ciò che “passa la Tv”, bensì una televisione che consente all’utente di muoversi in totale libertà all’interno del portale che ha spontaneamente deciso di visitare, scegliendo, con un solo click del mouse, il contenuto audiovisivo che preferisce, secondo i sui tempi ed interessi.
    Questa tesi è correlata alle categorie
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy