Home Sociologia
Home Sociologia
Tufo: una comunità che non si rinchiude

Autore
Silvia Di Giovanni - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2006-07]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 116 pagine
  • Abstract
    Il presente lavoro si propone di indagare la formazione delle relazioni interpersonali, che vengono a stabilirsi tra individui sociali appartenenti a un piccolo nucleo comunitario.
    Il contesto societario scelto si rivolge verso una comunità abruzzese: Tufo, piccola frazione di un altro paese di dimensioni più cospicue, Carsoli.
    Il paese costituisce un oggetto/soggetto di studio importante in quanto in esso sono presenti individui sociali, la cui particolarità, abitando in contesto societario di modeste dimensioni, è caratterizzato dalla peculiarità di avere delle relazioni stabili favorite dal fatto che “tutti conoscono tutti”.
    Insieme così ai processi relazionali si prendono in considerazione, quei particolari soggetti che non sono mai usciti al di fuori del contesto comunitario in cui risiedono; questo perché un attenzione verso questo aspetto può aiutare verso un miglior approfondimento della tematica oggetto di studio.
    La ricerca si apre così con gli obiettivi che si ha intenzione di raggiungere con un lavoro basato su queste tematiche, delineando i precursori della sociologia che hanno dato un contributo importante per quanto riguarda il concetto della formazione delle relazioni.
    Successivamente l’attenzione viene posta anche sul tipo di indagine da effettuare per poter raggiungere gli obiettivi prefissati; entrando così in gioco l’importanza dell’uso della metodologia qualitativa e di conseguenza delle interviste biografiche.
    Tali interviste sono state effettuate a circa sei individui, oltre agli abitanti è stato indispensabile il contributo dato dal sindaco di Carsoli e dal parroco di Tufo. Inoltre sono state effettuate due interviste a due testimoni privilegiati, ovvero il sindaco di Carsoli e al parroco di Tufo.
    La loro testimonianza è stata importante sia per quanto riguarda il cambiamento del paese, i suoi usi e costumi e sia per quanto riguarda i disagi e le carenze. Il lavoro ha portato così a delle conclusioni importanti: Carsoli, il comune di riferimento, non offre nessun tipo di servizio al paese.
    Gli abitanti della piccola comunità sentono fortemente il disagio presente, delineando da iun lato il senso di frustrazione provato, e dall’altro la volontà di un riscatto dalla condizione in cui riversano.
    Una comunità coesa che guardando l’altro riconosce se stesso come membro di un gruppo, e che non vuole morire con la frazione geografica che la rinchiude.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy