Home Sociologia
Home Sociologia
Trasferimenti di popolazione nell’Europa del Novecento: i nodi fondamentali

Autore
Andrea Delbello - Università degli Studi di Trieste - [2004-05]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 102 pagine
  • Abstract
    Il fenomeno del trasferimento di popolazione non costituisce, in sé, una novità nella storia europea. E’ tuttavia certo che prima del XX secolo mai si era verificato, da parte dei governi, un ricorso talmente generalizzato e sistematico alla rimozione di interi gruppi di persone, classificate secondo certe categorie e deportate praticamente senza eccezioni in un’altra zona del proprio stato o, più spesso, direttamente in un altro stato.
    Ho scelto di cominciare il mio elaborato con un caso che segna l’inizio di un’epoca: la Convenzione di Adrianopoli del 1913 tra Bulgaria e Impero Ottomano, infatti, sancisce il primo tentativo ufficiale di perseguire l’obiettivo dello Stato-Nazione tramite uno scambio di popolazione regolato da un trattato internazionale bilaterale.
    Lo scambio di popolazioni fra Bulgaria e Grecia, subito dopo la Grande Guerra, sebbene fosse stato “incentivato” dal fatto che i greci, per presunte “necessità militari”, avevano deportato alcune migliaia di bulgari dalla Tracia per insediarvi al loro posto profughi greci anatolici, costituì “forse l’unico esempio di una semplificazione etnica condotta senza evidente costrizione”. Nella maggior parte dei casi invece, “uno scambio volontario semplicemente non sussiste, se non in circostanze che, in realtà, corrispondono all’obbligatorietà” .
    Il primo episodio che dimostrò realmente quanto potessero essere devastanti le nuove dottrine nazionaliste fu il conflitto tra la Grecia e il nuovo stato turco. La decisione di deportare più di un milione di greci fuori dalla Turchia fu la conseguenza più ovvia che potesse sorgere dalla cognizione di essere etnicamente diversi e, quindi, dalla convinzione che non fosse possibile in alcun modo la convivenza : gli orrori bellici ne erano la più concreta dimostrazione. Per ratificare il trasferimento dei greci venne firmata la nota Convenzione di Losanna del 1923, la quale fu di capitale importanza per la futura storia della diplomazia internazionale: essa infatti sancì per la prima volta il principio dell’esodo forzato, e inoltre fu attuata attraverso la mediazione di istituzioni internazionali, che contribuirono così a rafforzarne i principi. In molti frangenti i leader politici europei dei decenni a venire si sarebbero richiamati a quel famoso precedente, per motivare le decisioni di trasferire coattivamente determinati gruppi nazionali, nella loro interezza.

    Capitoli:
    • Introduzione
    • Lo scambio di popolazioni tra Bulgaria e Impero Ottomano
    • Lo scambio di popolazioni tra Grecia e Bulgaria
    • Un ‘modello’ di trasferimento forzato: lo scambio fra Grecia e Turchia
    • Esempi paradigmatici di deportazione staliniana
    • Il “rimpatrio” dei Volksdeutsche voluto da Hitler
    • La deportazione dei polacchi da parte degli occupatori tedeschi
    • La grande ondata: l’espulsione dei tedeschi dall’Europa centrale
    - Dalla Polonia
    - Dalla Cecoslovacchia
    - Dall’Europa Sudorientale
    - Conclusioni del processo
    • Diversi trasferimenti di popolazione tra Polonia e Urss
    • Gli scambi di popolazione tra Cecoslovacchia e Urss
    • Il fallimentare scambio di popolazioni slovacche e ungheresi
    • Il mancato scambio tra rumeni e ungheresi in Transilvania
    • Lo scambio in Dobrugia tra popolazioni rumene e bulgare
    • Lo scambio di popolazioni malriuscito tra Bulgaria e Turchia
    • Il trasferimento dei finlandesi dalla Carelia sovietica
    • L’esodo degli italiani dalla Venezia Giulia
    • Conclusioni
    • Bibliografia
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy