Home Sociologia
Home Sociologia
Per una visione teatrale della condizione umana: ruoli, identificazioni e illusione

Autore
Chiara Masala - Università degli Studi di Siena - [2003-04]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 64 pagine
  • Abstract
    L' avvenuta in un mondo con regole predeterminate ha fatto sì che introiettassimo delle norme e dei ruoli sociali nei quali, durante il corso della nostra vita, spesso ci identifichiamo. La teatralità della vita esprime il fatto che durante le nostre relazioni con gli altri, spesso, "recitiamo" dei copioni che ci permettono di integrarci nella società e non essere considerati fuori dal comune.
    Il fatto è che questi ruoli non ci appartengono dalla nascita ma vengono appresi dall'esterno. Identificandoci in essi, così, perdiamo in un certo senso il contatto con la nostra vera natura.
    Si parlerà anche dell'evento della nascita, che ha causato in noi un senso di separazione (dal ventre materno) e di incompletezza, e quindi di un bisogno di amore e ricongiunzione che accompagnerà la nostra vita.
    Non accettando questo senso di incompletezza, di separazione, che ci rende in parte degli esseri fragili, si cerca sicurezza e stabilità in un "ruolo" e in dei valori condivisi socialmente, che permettono una buona relazione con gli altri ma che non rappresentano davvero ciò che siamo.
    Verranno presi in considerazione autori come Goffman, Pirandello e Shakespeare.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy