Home Sociologia
Home Sociologia
La donazione del rene: prospettive sociologiche

Autore
Carmelo Di Luciano - Università degli Studi di Catania - [2004-05]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 151 pagine
  • Abstract
    Non può sorprendere l’affermazione per cui la tematica del trapianto di organi oggi appare di enorme rilevanza, e che tale rilevanza è avvertita e riconosciuta ovunque, al di là delle distanze e delle culture. Tutto ciò riposa su ragioni così evidenti da rendere superfluo un loro richiamo.
    Senonché all’interno di tale tematica assume un rilievo del tutto particolare il trapianto di rene; e almeno due ragioni, seppur altrettanto evidenti, meritano comunque una opportuna segnalazione.
    La prima è, per così dire, di carattere storico. E’ noto che il primo trapianto clinico è stato quello di rene, eseguito a Boston nel 1954 tra gemelli monozigoti da Murray.
    La seconda ragione è tanto evidente quanto densa di implicazioni: il rene può essere espiantato anche da un vivente, e ciò apre una delicatissima problematica, squisitamente sociologica, pressoché inesistente in riferimento agli espianti da cadavere, o comunque, al limite, molto meno pronunciata.
    Il nostro lavoro prende le mosse proprio da questa circostanza: in mancanza di donatori, sono i familiari a preoccuparsi di sopperire a tale mancanza, probabilmente anche incoraggiati dalla più probabile compatibilità genetica, benché, naturalmente, non è da escludere il trapianto tra estranei.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy