Home Sociologia
Home Sociologia
La qualità e l'efficacia in ambito penitenziario: un'indagine esplorativa volta a valutare l'efficacia del trattamento all'interno della Casa Circondariale di Bergamo

Autore
Maria Coelli - Università degli Studi di Padova - [2006-07]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 405 pagine
  • Abstract
    All’interno del presente lavoro di tesi, dopo aver sostenuto l’importanza della riflessione epistemologica al fine di poter delineare i confini entro cui un atto conoscitivo possa essere definito scientifico (capitolo 1), viene analizzato il costrutto di devianza partendo dal contributo dei teorici dell’etichettamento e successivamente collocandolo nella prospettiva del paradigma narrativistico (capitolo 2). In seguito viene illustrato un breve excursus storico dei concetti di qualità e di efficacia al fine di indagare il fondamento epistemologico degli stessi e per rilevare come si siano generate le definizioni che oggi vengono utilizzate in riferimento ad essi (capitolo 3 e capitolo 4); infine viene presentata la ricerca sul campo (capitolo 5, capitolo 6), i risultati delle analisi (capitolo 7) e le considerazioni conclusive e i principali risvolti operativi che possono essere attuati (capitolo 8).
    La ricerca sul campo ha avuto come obiettivo generale l’indagine dei discorsi generati dagli attori (Operatori e detenuti) della Casa Circondariale di Bergamo (paradigma narrativistico) , al fine di rilevare la realtà che viene a generarsi all'interno del contesto intramurario in riferimento ai concetti di qualità e di efficacia.
    Gli strumenti utilizzati per la ricerca sono stati 3 protocolli a domande aperte, rispettivamente 2 per la popolazione detenuta (tali protocolli, che sono stati tradotti negli idiomi maggiormente presenti all’interno dell’istituto penitenziario, sono stati somministrati uno al tempo T0 e uno al tempo T1, ovvero 5 mesi dopo), ed 1 per gli Operatori della Casa Circondariale di Bergamo. Dunque i gruppi oggetto di indagine sono stati 3: detenuti stranieri (55 soggetti), detenuti italiani (47 soggetti), e Operatori (15 soggetti), per un totale di 117 soggetti....
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy