Home Sociologia
Home Sociologia
Nella giungla del jingle. L’uso della musica negli spot pubblicitari

Autore
Alessandro Fantera - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2004-05]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 192 pagine
  • Abstract
    L’autore in questa tesi di laurea, partendo dalla constatazione che fino ad ora, sorprendentemente, la valenza della musica nel linguaggio pubblicitario è stata poco o punto studiata, si prefigge lo scopo di analizzare alcuni aspetti salienti di questo importante mezzo di comunicazione.
    Il lavoro, per ovvi motivi, è centrato sull’analisi delle potenzialità comunicative della musica nell’ambito degli spot pubblicitari televisivi, ma è comunque facilmente estendibile, in quanto, nel primo capitolo, vengono richiamati i concetti di base, quali il concetto di musica e quello di comunicazione musicale. Viene inoltre fatta una rapida disamina di come nell’individuo sia presente una percezione musicale fin dalla fase prenatale e di come la capacità di associare sensazioni alla musica sia invece il frutto di un adattamento culturale (in riferimento alle società occidentali).
    Nel secondo capitolo, dedicato alla fruizione musicale, la disamina dell’argomento parte da una originale impostazione delle coppie primarie dell’ascolto e, passando per i modelli della ricezione, giunge alla definizione della percezione musicale ed alla descrizione dei suoi effetti sull’individuo.
    Tali premesse sono funzionali alla comprensione del nocciolo sperimentale del presente lavoro, affronatato nel terzo capitolo: in uno spot pubblicitario la componente musicale è così rilevante che anche la sua assenza veicola informazioni. A tal fine, dopo aver analizzato le tematiche generali del matrimonio tra musica e media (ovviamente con particolare riferimento alla televisione) ed inquadrato l’argomento in un contesto storico che parte dal banditore medioevale, passa per le grida dei mercati ed arriva al moderno jingle, vengono analizzati alcuni spot pubblicitari degli ultimi venti anni, sotto una duplice luce: da una parte viene sviluppata una tassonomia per la musica degli spot, con finalità classificatorie; dall’altra viene proposto un personale schema interpretativo delle funzioni che la musica, intesa come componente testuale, può svolgere all’interno dell’audiovisivo commerciale.
    Il tutto tenendo presente il parere di alcuni professori della facoltà e di esperti del settore, le cui opinioni, sia degli uni che degli altri, sono riportate in appendice.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy