Home Sociologia
Home Sociologia
L'intervistatore telefonico e gli errori nelle domande

Autore
Emanuela Nicoloro - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 180 pagine
  • Abstract
    “L’intervista telefonica è uno strumento molto usato per la raccolta delle informazioni nelle scienze sociali” afferma Sapignoli (2006). L’uso del telefono come mezzo di contatto con l’intervistatore ha, infatti, soppiantato prima i questionari inviati via posta poi le interviste faccia-a-faccia.
    Ad oggi, molti sono gli studi compiuti per approfondire gli aspetti dell’intervista telefonica, sottolineando i punti di forza che la caratterizzano e i vantaggi che (senza dubbio) produce senza, però, dimenticare i punti di debolezza e i limiti che l’accompagnano.
    L’ interesse verso questo strumento d’indagine è legato alla mia personale esperienza come intervistatrice telefonica per un Istituto che si occupa prevalentemente di ricerche sociali. Nell’esaminare la letteratura sull’argomento, mi sono accorta che poco si dice del modo in cui funzionano le cose sul campo. Questo anche perché non si dà voce all’ultimo anello della catena di produzione del dato: l’intervistatore!
    La mia esperienza mi ha permesso pure di esaminare concretamente le caratteristiche delle domande e nel complesso dei questionari che vengono somministrati al telefono.
    Dopo aver esaminato la letteratura che segnala le principali cause di errori (domande complesse, uso frequente di tecnicismi, domande tendenziose, liste di risposte molto lunghe, etc). ho rintracciato questionari esemplari che non rispettano affatto le prescrizioni di rito. Per capire i reali e quotidiani comportamenti dell’intervistatore telefonico, invece, ho intervistato dei miei ex colleghi di vari Istituti di ricerca di Napoli e Roma. Per una volta i ruoli si invertono: chi intervista viene intervistato, per dare voce, come si diceva, ad un attore trascurato ma fondamentale del processo di domanda-risposta.
    L’interesse nel condurre questa (seppur) breve ricerca nasce dalla curiosità di sapere se la mia personale esperienza da intervistatrice telefonica poco fedele al questionario, poco preoccupata di seguire le istruzioni, ma intenzionata solo a concludere frettolosamente la telefonata è drammaticamente estendibile alla categoria degli intervistatori telefonici. I dati a riguardo sono preoccupanti.

    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy