Home Sociologia
Home Sociologia
Cinegiornali dell'Istituto LUCE: linguaggio, propaganda e consenso nell'Italia fascista

Autore
Dario Ingiusto - Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 62 pagine
  • Abstract
    Il mio lavoro si propone di sintetizzare, attraverso aneddoti, dettagli tecnici e indagini sociostoriche, il lavoro svolto dall'Istituto nazionale Luce nel ventennio fascista, le sue ripercussioni sulla società italiana, nel suo linguaggio, nella parlata, nella cultura. Nella discussione ho presentato un DVD con i frammenti video più rappresentativi tra i molti che ho visionato per il mio lavoro.
    Il fascismo fu molto interessato alla cinematografia, ed il lavoro dell'Istituto LUCE può ritenersi a giusto titolo il maggior successo del regime nel campo propagandistico, ottenuto sfruttando la capillare diffusione che ebbe il cinematografo nel corso del ventennio.

    La mia tesi propone :

    - una breve introduzione sui motivi di questa ricerca;
    - storia del movimento fascista e presa del potere;
    - nascita dell'Istituto LUCE, sua organizzazione burocratica ed economica;
    - le opere dell'Istituto LUCE, documentari, cinegiornali, analisi tecnica dei filmati;
    - confronto tra le opere nel tempo:
    - analisi sociale, culturale e linguistica dell'importanza dei cinegiornali LUCE nella società italiana degli anni '30;
    - affermazione del consenso intorno alla figura di Benito Mussolini;
    - critiche al regime, analisi critica dei filmati;
    - conclusioni.

    La tesi è stata discussa nel marzo 2007 all'Università "Orientale" di Napoli, il voto conseguito è stato 107 su 110.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy