Home Sociologia
Home Sociologia
La condotta mafiosa in un contesto criminale

Autore
Giovanni Gueli - Università degli Studi Giuridici di San Marino - [2006]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 53 pagine
  • Abstract
    Lo scopo del presente lavoro sta innanzitutto nel descrivere il fenomeno mafioso siciliano, a partire dall’etimologia del significato “mafia” che ha avuto parecchie possibili derivazioni di origine araba ma che ha ottenuto menzione per la prima volta in un atto ufficiale del 1865 dall’allora prefetto di Palermo Filippo Gualtiero; mentre per ciò che ha riguardato il termine “cosca mafiosa”, esso ha avuto riscontro in un documento scritto dal Procuratore di Trapani Pietro Calà Ulloa, e risalente al 1837. Si è fatto cenno alle radici storiche dell’organizzazione di Cosa Nostra che sin dai tempi dei baroni e gabellotti aveva dato luogo al fenomeno cosiddetto premafioso, descrivendo altresì la struttura organizzativa dell’organizzazione criminale. Viene dato menzione circa il cambiamento dello spirito mafioso in conseguenza del mutare degli interessi dell’organizzazione nei traffici di droga e nel riciclaggio del denaro sporco mediante il sistema delle banche, facendo meno a quella condotta che aveva caratterizzato il classico mafioso nel suo rigido codice d'onore, sui rituali e sull’omertà; un'assoluta segretezza ne regolava l'attività ed il vincolo di segretezza legava strettamente (oggi meno che un tempo) i suoi membri. Nel secondo capitolo viene illustrato l’aspetto psico-antropologico e religioso di un’appartenente, mentre viene dato particolare attenzione all’iter formativo di una carriera all’interno di una cosca, dall’educazione data ai figli cresciuti in una famiglia di mafia sino all’apice di una scalata sociale tipico di un boss. Il terzo capitolo viene trattato con l’intento di descrivere il tipo di rapporto e le condizioni criminali che possono scaturire fra il politico e l’organizzazione. E per finire nell’ultimo capitolo viene analizzato il contesto economico, dando un breve cenno sull’evoluzione storica dell’economia criminale che dalla mafia tradizionale di tipo agrario si è passati ad una mafia di tipo finanziario.
    Su questo ultimo contesto viene altresì rappresentato il rapporto di tipo criminoso con cui l’imprenditore, assegnatario di appalti pubblici, entra in collusione con la cosca mafiosa, descrivendo la metodologia di approccio.
    Con il suddetto elaborato ho voluto rappresentare l’agire di un’appartenente all’organizzazione mafiosa siciliana nelle forme in cui si origina e si sviluppa, attraverso una rigida mentalità che abbraccia vari contesti.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy