Home Sociologia
Home Sociologia
Reddito minimo di inserimento un'occasione mancata

Autore
Francesco Giubileo - Università degli Studi di Milano - Bicocca - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 80 pagine
  • Abstract
    Perché serve un Reddito Minimo?
    Oggi giorno nel nostro paese esistono famiglie che versano in gravi condizioni di miseria economica, di isolamento relazionale e di sofferenza fisica, incapaci di godere di un livello minimo di benessere e di sicurezza.
    A differenza di quanto accade nell’area dell’Europa continentale, in Italia manca un’articolata rete di protezione minima di base. Infatti qui non è solo il welfare ad avere una configurazione sui generis, ma è anche lo Stato: si tratta infatti di uno Stato assai poco “weberiano” , largamente infiltrato e facilmente manipolabile dagli interessi organizzativi e neo-corporativi.
    Il basso grado di sostegno/servizi pubblici del nostro Paese e più in generale dei “sistemi latini” di welfare è un tratto che isola decisamente questo gruppo di nazioni dalle altre presenti in Europa (Ferrera, 1998). Le famiglie che vivono in questi Paesi hanno da sempre assorbito i rischi sociali che in Scandinavia sono collettivizzati dal welfare state . Il “principio di sussidiarietà” di matrice cristiano-conservatrice che ha rafforzato, mediante i trasferimenti, il modello per cui l’uomo ha il compito di sostenere economicamente la famiglia e la donna è relegata al ruolo di cura, rappresenta ancora oggi la configurazione tipica in Italia. Ma l’avvento della società postindustriale ha radicalmente mutato lo scenario in questione: insieme alla trasformazione verso l’economia dei servizi, si osserva l’emergere di un insieme di rischi sociali e bisogni completamente nuovi.......
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy