Home Sociologia
Home Sociologia
Bulli e vittime tra i banchi di scuola: profili, diffusione e metodologie d'intervento

Autore
Alessia Filippi - Università degli Studi di Trento - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 363 pagine
  • Abstract
    Il bullismo è un fenomeno che lede profondamente le finalità educative perseguite dalla scuola. La condotta violenta messa in atto da uno o più soggetti entro l'ambito scolastico, è espressione di bullismo se è intenzionale, animata dalla volontà di danneggiare la vittima, reiterata nel tempo e se il rapporto tra il prevaricatore e la vittima è contraddistinto da un'asimmetria nella relazione che situa il bullo in una condizione di superiorità fisica, o psicologica rispetto allo studente vittimizzato. Si distinguono due tipi di bullismo: diretto ed indiretto. Il bullismo diretto è costituito dai comportamenti prepotenti più visibili, fisici o verbali (come colpire con pugni e calci, estorcere denaro e beni materiali, minacciare, insultare). Il bullismo indiretto si manifesta invece più sul piano psicologico, come l'esclusione dal gruppo dei pari, la maldicenza e l'alterazione dei rapporti d'amicizia. E' difficilmente rilevabile, ma non per questo meno dannoso per la vittima. Il bullismo si caratterizza per la sua natura relazionale. Gli attori che vi prendono parte rientrano in tre grandi categorie: i bulli, le vittime, gli spettatori.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy