Home Sociologia
Home Sociologia
L'opulenza: un ideale rinnegato

Autore
Ornella Ceci - Accademia di Belle Arti - [2003-04]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 131 pagine
  • Abstract
    Il gusto estetico è un valore assoluto? La percezione del bello è innata o può essere condizionata da modelli culturali? A queste e ad altre domande, intende rivolgersi lo studio condotto nel lavoro che segue, iniziando dall’analisi di un fenomeno contemporaneo divenuto, da un punto di vista sociologico “l’ossessione contemporanea per eccellenza”. Un aspetto comportamentale che sembra rispecchiare sempre più una tendenza di massa. Diversi studi, dimostrano che l’aspirazione più diffusa tra le donne è quella di perdere peso per incarnare un modello di bellezza che depreca gli accumuli adiposi del corpo. E' statisticamente provato che la maggior parte delle donne occidentali, antepongono alla realizzazione personale il desiderio di dimagrire. Non si tratta solo di un problema estetico. Si registrano infatti nel tempo, un insorgere crescente di atteggiamenti psicotici e maniaco-depressivi (come la cura ossessiva del corpo, il controllo del peso, e soprattutto la fobia del cibo). Le estreme conseguenze hanno portato alla nascita di patologie psichiche anche mortali come l’anoressia e la bulimia, mai registrate prima e dunque sorte in epoca contemporanea.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy