Home Sociologia
Home Sociologia
La diacronia linguistica e vestimentaria negli spot televisivi. Da Carosello a oggi.

Autore
Giulia Martelli - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 241 pagine
  • Abstract
    Questo lavoro è un’analisi in diacronia della parola e dell’abito dei vari personaggi della pubblicità televisiva, da Carosello ad oggi. La donna (mamma, casalinga, moglie, di successo), l’uomo (padre, marito, “scapolone”, in carriera), l’anziano, il bambino e l’adolescente: sono questi i protagonisti degli spot selezionati per il campione d’indagine. Attraverso un’analisi sia linguistica che vestimentaria si cerca di capire se il messaggio verbale e quello vestemico sono due messaggi distinti oppure congiunti, se esiste una corrispondenza tra abito e parola nei singoli personaggi osservati e se poi questa corrispondenza si riflette negli stessi personaggi che si palesano nella realtà. La realtà pubblicitaria rispecchia la realtà quotidiana?
    Lo studio parte dal 1954 e arriva ai giorni nostri, al 2006, si basa su un campione di 45 spot, di cui è stato esaminato il linguaggio (lessico, morfologia, sintassi e retorica) e l’abbigliamento delle varie figure sociali oggetto di questa analisi.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy