Home Sociologia
Home Sociologia
Digital con-divide. Condivisione e software libero nella lotta al digital divide.

Autore
Anna Maria Foti - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 262 pagine
  • Abstract
    Il punto d’inizio della mia tesi è offrire un’estesa panoramica sullo sviluppo della società dell’informazione, ripercorrendo le tappe fondamentali, dalla ricostruzione delle specificità del nuovo paradigma tecnologico fino alle conseguenze sociali delle istanze tecnologiche ed economiche. Eminenti studiosi, appartenenti a diversi campi, dalla sociologia alle scienze della comunicazione, dalla storia all’economia, si sono confrontati sulla genesi dell’era dell’informazione, approdando a posizioni diverse. Secondo alcuni, la “rivoluzione dell’informazione” ha avuto origine “ben prima dell’ingresso della nozione di informazione nella lingua e nella cultura della modernità”. Altri invece, hanno individuato negli anni Settanta il crocevia fondamentale per le evoluzioni future delle moderne società.
    Spesso accade, però, che la nascita di una nuova tecnologia è salutata da entusiasmi che prospettano scenari di inclusione sociale, innovazione culturale, progresso economico. Tale visione risulta in qualche modo viziata da un eccesso di tecnocentrismo, includendo le complesse relazioni tra società, tecnologie e culture in un’unica strettoia deterministica, priva di nessi causali adeguati.
    La differenze nella disponibilità e nell’uso dei nuovi strumenti della comunicazione, nel contesto di un’economia immateriale e globalizzata, possono creare nuove forme di disuguaglianze che vanno a aggiungersi o ad aggravare situazioni di disagio già esistenti. Creano “digital divide”. Nonostante l’espressione occupi una posizione privilegiata nell’ambito dei recenti dibattiti su computer technology, si presta a facili fraintendimenti, provocati da un intenso fervore intorno alle potenzialità delle IT e dalla connotazione linguistica della locuzione, strumentale a facili distorsioni. Il mio obiettivo è stato quello di evidenziare tutti gli elementi di criticità connessi all’espressione ed avanzare un nuovo modello interpretativo, partendo da un’efficace concettualizzazione in termini di accesso. In un ambiente nel quale un complesso insieme di fattori causa le cosiddette “trappole di povertà”, l’idea che ho sostenuto con forza è che la diffusione di conoscenze coadiuvata da un impiego sociale delle tecnologie, permette la creazione e l’accumulazione di “literacy”. Ho azzardato una chiave di lettura diversa delle attuali forme di disuguaglianza e ho cercato di progettare forme d’intervento radicalmente differenti. Ho proposto un intervento orientato a favorire nei contesti in via di sviluppo processi di appropriazione reale delle apparecchiature tecnologiche.
    Il mio caso studio è stato il Brasile. Vi lascio con una domanda. Cosa avrò scoperto?
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy