Home Sociologia
Home Sociologia
La sostenibilità dello sviluppo: una contraddizione irrisolvibile

Autore
Tiziano De Donno - Università degli Studi di Napoli - Federico II - [2004-05]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 183 pagine
  • Abstract
    Il tentativo di questo lavoro è stato quello di analizzare i mutamenti semantici dei concetti di "Sviluppo" e "Sviluppo Sostenibile", andando a cercare le aporie che vi sono dietro a questi due concetti. Partendo dal 1949, anno della dichiarazione alle Nazioni Unite di Harry Truman, nella quale fu introdotta per la prima volta la distinzione tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo, per arrivare ai giorni nostri con l'avvento di quella che Latouche definisce era dello sviluppo aggettivato, l'analisi è stata incentrata sulla visione dello sviluppo come uno stato mentale, cercando di estrapolare gli effetti collaterali del concetto, prendendo in esame gli effetti sull'immaginario, gli effetti ambientali, e gli effetti sociali. L'idea di questo lavoro è nata proprio ponendoci un quesito: è possibile pensare ad uno sviluppo differenziato nel suo oggetto, nello spazio e nel tempo, per stabilire priorità in funzione dei bisogni e della qualità delle produzioni, per consentire la crescita per i più poveri e la decelerazione di quest'ultima per i più ricchi? La triste risposta che viene da questo lavoro è che, anche se si diminuisce l'intensità della produzione energetica e delle risorse naturali, lo sviluppo necessario dei più poveri implica la rinuncia allo sviluppo illimitato dei più ricchi.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy