Home Sociologia
Home Sociologia
Nuovi ruoli e immagine nella comunicazione istituzionale dell'Aeronautica Militare

Autore
Claudio Manara - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2005-06]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 262 pagine
  • Abstract
    Dopo avere inquadrato l’attuale contesto storico sociale, sulla scorta degli assunti teorici della sociologia militare, la ricerca di tipo sperimentale, analizza i rapporti esistenti tra l’istituzione Difesa e l’opinione pubblica con una particolare attenzione all’Aeronautica Militare. Gli impegni, sempre più frequenti, nelle missioni di pace delle Forze Armate impongono una ridefinizione dell’immagine dell’organizzazione militare nel Paese. Abbandonata la fase di vigile ma sostanziale inattività della guerra fredda, il militare di oggi, è sotto la luce dei riflettori dei media in ruoli soprattutto di peacekeeper. Acquisito un ruolo di alta visibilità, il militare non può sottrarsi, come capitava spesso in passato, dal dialogo con il mondo civile. Anzi, in questo dialogo risiede lo spazio privilegiato per guadagnare il rispetto e il consenso dei cittadini.
    Utilizzando due strumenti metodologici qualitativi, l’intervista strutturata e l’osservazione partecipante, ci si è concentrati da un lato sui militari addetti alla comunicazione istituzionale e dall’altro sul mondo del giornalismo, importante anello di mediazione tra istituzioni e cittadinanza. Tenendo presenti gli obiettivi differenti che guidano i due universi selezionati si è tracciata una mappa del divario che esiste tra media e Difesa, nel tentativo di far luce sul dibattito pubblico inerente la politica militare del Paese.
    Tenendo presente il paradigma mertoniano, si sono utilizzati i poli opposti dell’innovazione e del ritualismo per intrepretare l’azione del singolo militare addetto alla comunicazione, che varia, lungo un continuum di comportamenti, dalla normale acquiescenza alle norme vigenti, e arriva alla iniziativa personale. Si propongono due schemi ideali, un sistema di comunicazione chiuso e uno aperto, sufficientemente inclusivi per inquadrare, in un modello plausibile, un settore variegato e sfaccettato come la comunicazione pubblica dei militari.
    Nonostante i progressi evidenti, il militare deve rivitalizzare il settore della comunicazione pubblica, immettendo risorse e formazione, e riallacciare i rapporti con le istituzioni civili per accrescere la coscienza civica sui temi della sicurezza. L’Aeronautica Militare, per bilanciare il suo spiccato carattere ipertecnologico, deve riscoprire il suo lato soft, quello delle specialità meno conosciute, dal controllo del traffico aereo alla costruzione di aeroporti nelle aree di crisi.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy