Home Sociologia
Home Sociologia
La famiglia imprenditoriale: l'Umbria nel contesto italiano

Autore
Marco Marcucci - Università degli Studi di Perugia - [1997-98]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 221 pagine
  • Abstract
    La trattazione si articola in tre capitoli: nel primo, essenzialmente teorico, vengono evidenziate le maggiori tendenze interpretative concernenti l'imprenditorialità familiare, intesa come fenomeno sociologico. Si parte ricordando brevemente i principali contributi teorici riguardanti il mutamento della famiglia come istituzione sociale (Durkheim, Weber, Tonnies, Engels ecc.) per poi affrontare, sempre a grandi linee, le letteratura inerente la famiglia come soggetto economico. Ci si sofferma poi sulle implicazioni (economiche, giuridiche, morali) scaturenti dalla sovrapposizione tra sfera familiare e la sfera imprenditoriale; la questione della successione, momento centrale per la sopravvivenza dell'imprenditorialità familiare, è anch'esso affrontato sulla base delle elaborazioni teoriche a nostra disposizione. A chiosa del capitolo, viene ricordato l'esempio dei fratelli Cervi, quale caso emblematico della particolarità del rapporto tra sfera familiare e sfera imprenditoriale.
    Nel secondo capitolo si parla della particolarità del sistema imprenditoriale italiano, legato sia a livello di grandi imprese che di piccole e medie imprese all'esperienza familiare. Dopo una necessaria contestualizzazione storicoeconomica del fenomeno, con riguardo particolare per il secondo dopoguerra, si individuano particolarità e tratti comuni tra alcune grandi dinastie italiane, cercando di cogliere i vari modi di affrontare tre fattori topici: il rapporto con i dipendenti, il rapporto con la sfera politica, il problema del controllo familiare e della successione. Oltre alle grandi famiglie, si analizza anche un gruppo di imprese in cui la gestione familiare si perpetua da almeno due secoli, confortando la ricerca con l'intervista (riportata in appendice) ad un membro della più antica famiglia imprenditoriale italiana.
    Nel terzo capitolo infine viene considerato il fenomeno dell'imprenditorialità familiare in Umbria, regione che non si sottrae alla regola storicamente caratteristica del nostro sistema imprenditoriale e che, a causa delle non lontane origini rurali, evidenzia immediatamente un aspetto e forse un movente chiave per spiegare il peso familiare nella organizzazione dei fattori produttivi.
    Dopo una digressione riguardante la collocazione storico-economica dell'Umbria, si citano alcuni esempi di grandi famiglie imprenditoriali della regione, sulla base della peraltro limitata letteratura. Infine, si riportano i risultati e le analisi della ricerca sul campo, che ha avuto come oggetto alcune piccole e medie imprese umbre a gestione familiare. Oltre alla somministrazione di un questionario con domande aperte (riportato integralmente in appendice), la ricerca si è completata con l'osservazione diretta della vita e dell'approccio proprio di ciascuna impresa. Pur nella sua limitatezza, l'analisi tenta di essere esplicativa di un sistema in cui il legame famiglia-impresa non sembra allentarsi, in particolare tra la piccola e media imprenditorialità.
    In definitiva, ci si muove da un piano generale-teorico ad uno particolare-concreto, consapevoli della limitata validità dei casi ma con l'intenzione di combinare in maniera complementare i due piani, senza pretese di esaustività ma con la speranza di mettere in luce alcuni caratteri sottostanti ad un fenomeno reale, tangibile e dalla innegabile importanza socioeconomica.
    Questa tesi è correlata alle categorie
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy