Home Sociologia
Home Sociologia
L'Italia entra nel Miracolo Economico in bicicletta e ne esce in automobile

Autore
Nunzioclaudio Belcampo - Università degli Studi di Salerno - [2004-05]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 209 pagine
  • Abstract
    Ogni giorno un individuo trascorre in media da una a due ore nella propria automobile per recarsi a lavoro, a scuola, per fare la spesa e tornare indietro. Se a questo tempo associamo anche quello dedicato agli spostamenti effettuati nel tempo libero, per andare al ristorante, per uscire con gli amici o per portare la famiglia al cinema, e così via, possiamo facilmente comprendere come nelle società industrializzate, nell’arco di una giornata, siano diverse le ore che spendiamo nell’abitacolo di un’auto, molte di più rispetto a quelle che dedichiamo al nutrimento, alla cura del nostro corpo e, perfino, ad alcuni dei nostri rapporti amicali o familiari. Da questa riflessione nasce l’idea di ripercorrere e comprendere quale sia stato il cammino svolto dalla nostra società italiana rispetto alla motorizzazione di massa, cercando di evidenziare quali cambiamenti sociologici e psicologici la diffusione di questo mezzo di trasporto ha portato con sé. Nell’arco di circa mezzo secolo la diffusione dell’automobile è stata notevolissima. Per avere un’idea della sua intensità possiamo confrontare i dati delle auto in circolazione rispetto alla popolazione. Al 1° gennaio 2004 la popolazione italiana contava 57.888.245 individui (Fonte: Istat), ed al 31 dicembre 2003 in Italia circolavano 34.310.446 autovetture (Fonte: Aci). Questi dati ci affermano che all’inizio del 2004 vi era un’autovettura ogni 1,7 abitanti; nel 1953 si registrava, di contro, un’automobile ogni 51,6 abitanti. Che cosa ha permesso e contribuito ad una tale diffusione?
    Sarebbe un errore se ci limitassimo a leggere questi dati come un semplice incremento della diffusione di un bene di consumo: infatti, il possesso dell’automobile può essere, e deve essere, adottato anche come indicatore del benessere e della ricchezza della nostra società. La diffusione dell’automobile è direttamente proporzionale all’aumento del benessere sociale.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy