Home Sociologia
Home Sociologia
La formazione e il terzo settore: problematiche e prospettive

Autore
Maria Erminia Sbiroli - Università degli Studi di Bari - [2003-04]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 158 pagine
  • Abstract
    Come poter trarre, da questa società globale, dei lati positivi a livello umano e sociale, non soltanto economico e politico, in modo che non vengano soppiantati valori importanti quali la responsabilità sociale, la civiltà, la solidarietà, la cooperazione?
    Le sfide economiche del mercato globale hanno dissolto i legami e il senso di appartenenza ad una comunità, per cui le iniziative, sempre più numerose, di associazionismo e cooperazione istituzionalizzate ritengo siano la strategia su cui bisogna puntare per favorire programmi di reintegrazione, puntando su principi di appartenenza e sussidiarietà, che vengono riconosciuti non solo come valori ideali, ma come valori economici, istituzionali e politici, capaci di compensare gli effettideleteri della globalizzazione.
    Il Icap.trattal'evolversi della società, partendo dalla Terza Rivoluzione Industriale ad oggi.
    Il IIcap., partendo da una analisi della crisi di Welfare State e di mercato, pone l'accento sull'emergere dei nuovi bisogni sociali e delle nuove richieste che l'ambiente pone. nasce così l'esigenza d'organizzazioni di Terzo Settore.
    Nel IIIcap., dopo aver analizzato processi e variabili che caratterizzano tutti i tipi di organizzazioni, mi sono soffermata su ciò che distingue il settore no-profit dal profit, con un approfondimento d'approccio psicologico sulle motivazioni che possono spingere a cooperare.
    Nel IVcap., infine, sostengo l'importanza di un educare e formare le persone allo sviluppo di comportamenti solidali e cooperativi, in modo da fondare una responsabilità collettiva e una cittadinanza attiva e partecipata. Rivolgo, dunque, la mia proposta formativa alle scuole secondarie, affinchè possano assumere come metodo d'insegnamento complementare, il cooperative learning.
    "L'economia senza memoria non porta allo sviluppo; è impossibile dissociare la pratica economica dalla praticasociale globale". (H. Bartoli)
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy