Home Sociologia
Home Sociologia
Evento calcistico, rappresentazioni simboliche, processi di identificazione. Il caso dell Modena f.c. 1912.

Autore
Fabio Butturi - Università degli Studi di Bologna - [2003-04]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 419 pagine
  • Abstract
    La parte di ricerca teorica focalizza la morfogenesi dell’evento calcistico da relazione aperta, radicata ad un substrato etico, a medium del sistema economico, che opera in forma sempre più autoreferenziale. Il cuoio si eleva a metonimia della modernità avanzata, sintetizzando l’edonismo feticistico della società dell’immagine. Ho interpretato la parabola semantica del fenomeno meta-sportivo attraverso tre fasi: dall’ethos all’epos fino al primato dell’eros, codice espressivo egemone e unità di senso performativa. Il criterio procedurale della tesi è, infatti, di radiografare il calcio come fatto sociale totale. E’ in corso un processo di calcistizzazione: il linguaggio del football colonizza i palinsesti mediatici e contamina addirittura la sfera politica. L’analisi dei cortocircuiti semantici confuta la formula consolatoria del calcio malato: la pratica sportiva e meta-sportiva riverbera in realtà lo spettro sociale che la produce. In questo scenario i tifosi che frequentano gli stadi, che ho definito “sincretici” (in antitesi alla modalità “catodica” di fruizione del prodotto calcio), rappresentano una diga alla deriva mercantile dello sport, instaurando transazioni di mondo vitale, in virtù di una partecipazione transitiva, emozionale, multisensoriale e identitaria. All’interno dell’arena stadiense ho poi definito le curve come “luoghi della pregnanza”.
    La parte empirica adotta invece lo strumento dell’intervista semi-strutturata, rivolta a un target selezionato di esponenti della vita pubblica di Modena e della tifoseria geminiana. Ho inteso così monitorare l’effetto della promozione della squadra locale in serie A, dopo 38 anni di latitanza, sulle rappresentazioni simboliche dei Modenesi. L’ipotesi su cui riposa l’indagine empirica è che la passione calcistica (che attiva una serie di epifenomeni: sociale, mediatico, mercantile) solleciti una forma “post-moderna” di comunità diffusa, una rete cioè di legami solidali svincolati dal discrimen spaziale e interconnessi in un network a maglie larghe, che consente di instaurare ponti comunicativi flessibili e diffusi. Infatti, se appare eretico (e ingenuo) inquadrare la comunità del cuoio come una forma di gemeinschaft, si percepisce invece distintamente come i tifosi costituiscano un network analogico che attiva relazioni ad ampio raggio, in una superiore prospettiva di meta-network. Questo dato rappresenta un fenomeno in controtendenza rispetto alla vocazione funzionale e specialistica dei sistemi nella modernità avanzata.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy