Home Sociologia
Home Sociologia
Policy Transfer e Politiche del Mercato del Lavoro in Italia e in Russia

Autore
Nicola Trinchini - Università degli Studi di Roma La Sapienza - [2003-04]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 110 pagine
  • Abstract
    La tesi analizza i processi di ridefinizione delle politiche del mercato del lavoro in Italia e in Russia. Una ricerca di tal genere è motivata dalla forte influenza che le dinamiche della globalizzazione esercitano su questa sfera
    politica, nella maggior parte dei Paesi del pianeta, dettando modelli alternativi rispetto alle tradizionali misure di welfare state. La conoscenza politica, tanto al livello internazionale quanto a quello nazionale, è organizzata secondo una logica di governance all’interno di reti di politiche globali (global public policy networks) in cui operano stati nazionali, agenzie transnazionali, attori pubblici e privati ecc. Il modello della flessibilità del lavoro, da molti studiosi percepito come attentato alla sicurezza dell’individuo, è dunque il frutto di una conoscenza consensuale che scaturisce dalla inter-relazione tra gli attori delle reti, e che si diffonde e viene adottata nelle agende politiche nazionali. L’adozione da parte di uno stato di una certa soluzione politica, attinta da altri stati o, come nel caso di questo studio, da agenzie transnazionali, viene rappresentata utilizzando il modello del “policy transfer” di Dolowitz&Marsh. Le recenti politiche di riforma dei MDL italiano e russo possono essere entrambe analizzate seguendo la logica del transfer politico, che però produce risultati molto diversi nei due contesti prescelti.
    Nel caso italiano la legge Biagi può dirsi in gran parte frutto del recepimento, da parte dei policy makers nazionali, della European Employment Strategy (EES), oltre che di posizioni assunte da altri attori
    transnazionali quali OECD, IMF, ILO. La L.30 è stata inoltre concordata dalle parti sociali (a parte la marginalità della CGIL). In tal senso si può parlare di transfer “ibrido”. In definitiva lo status di membro dell’EU ha garantito un transfer funzionale all’adeguamento del paese ai dettami della Comunità in tema di politiche del MDL e dunque a una implementazione politica senza eccessivi problemi.
    La legge russa 197/2001 di riforma del codice del lavoro è stata fortemente auspicata dall’IMF che, utilizzando lo strumento della condizionalità, ha inteso indirizzare la politica russa del MDL verso una più precisa regolamentazione, basata sui principi del mercato globale. Un transfer politico che ha dunque privilegiato le soluzioni dell’IMF, ma che ha condotto al recepimento, nel nuovo codice, di soluzioni di politica del MDL
    offerte anche da ILO,EU,OECD. La non appartenenza della Russia ad alcun organismo sovranazionale come l’EU, e qui sta il succo della tesi, ha determinato un transfer inappropriato e funzionale alla sola legittimazione
    internazionale (e a ottenere nuovi fondi dall’IMF/WB), e dunque una ineffettività del nuovo codice del lavoro, che in massima parte risulta essere ancora non implementato. Ciò in gran parte è frutto della forte influenza politica dei gruppi nazionali economicamente più forti (bassissimo grado di concertazione), spinti dall’interesse al mantenimento di un Mercato del Lavoro sostanzialmente “anarchico”, che non garantisce sufficiente protezione ai lavoratori rispetto agli standard internazionali, e che permette la proliferazione del lavoro sommerso ed illegale.
    Il transfer politico, inteso come strumento della globalizzazione, perciò, non produce risultati omogenei nei tessuti politici delle diverse nazioni. Questi dipendono dagli equilibri sociali ed economici tipici dei differenti
    contesti e,in misura significativa, dall’appartenenza o meno a organismi sovranazionali che dettano specifiche linee di politica (in questo caso del MDL) che gli stati membri sono tenuti a seguire (è il caso della Comunità
    Europea).
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy