Home Sociologia
Home Sociologia
L'antipolitica come problema. Teorie e riferimenti empirici.

Autore
Franco Di Lonardo - Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro - [1997-98]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 215 pagine
  • Abstract
    La parola antipolitica ricorre con un’intensità sempre più frequente nella stampa, nei mass media, nelle pubblicazioni scientifiche specializzate e anche nei discorsi di tutti i giorni. È un termine che esprime un generico sentimento di avversione alla politica, diffuso (sia pur in quantità diverse) nelle società più avanzate in Europa, ne-gli Stati Uniti, in Giappone. All’antipolitica sono ricondotti, con alcune forzature, una serie di fenomeni apparentemente differenti: l’astensionismo elettorale, la mancanza di fiducia nelle istituzioni politiche, la crisi dei partiti tradizionali, la delegittimazione della classe politica, il successo politico ed elettorale raccolto da movimenti eterogenei (ambientalisti, radicali, di estrema destra, neoliberali e antistatalisti, neopopulisti) ma alternativi agli altri partiti. Ma cosa s’intende veramente con antipolitica? Basterebbe pensare alla molteplicità di significati che assume la parola politica, per render-si conto di quanto sia difficoltosa una definizione del suo concetto opposto, l’antipolitica. La parola politica indica sia una realtà oggettiva (il fare politica) che la teoria che studia tale oggetto. Anche la parola antipolitica possiede un duplice significato: teorico (in relazione alle diverse concezioni di politica) ed empirico (un complesso di atteggiamenti e orientamenti rivolti al sistema politico).
    Lo scopo di questa tesi di laurea è quello di definire il concetto di antipolitica sul piano teorico e di stimare la diffusione del fenomeno a livello empirico. Nella prima parte di questo studio il concetto di antipolitica è messo a confronto con altri concetti con i quali è (a nostro avviso, impropriamente) confusa: impolitica, apolitica, apatia politica, populismo, qualunquismo. Dopo avere ribadito la natura culturale dell’antipolitica (secondo la definizione di Almond), essa viene studiata sul piano empirico, utilizzando diversi sondaggi: fiducia nelle istituzioni statali e non statali, fiducia nella classe politica (trattando il problema corruzione), interesse per la politica e soddisfazione per il funzionamento della democrazia. Non mancano indicatori più concreti quali i dati sull’astensionismo elettorale, le iscrizioni ai partiti, i referendum.
    La ricerca è condotta prevalentemente su base europea (paesi Ue) con un approfondimento sulla situazione italiana. Il periodo privilegiato è il ventennio 1980-1999, con qualche digressione negli anni precedenti.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy