Home Sociologia
Home Sociologia
Ernesto de Martino e l'esorcismo culturale: dal simbolo mitico-rituale all'umanesimo integrale

Autore
Christian Giacobbo - Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia - [2000-01]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 162 pagine
  • Abstract
    Il mio lavoro intende ripercorrere le riflessioni di Ernesto De Martino intorno alla disposizione apocalittica della nostra civiltà.
    La proposta demartiniana contro le crisi individuali, il diffuso irrazionalismo e il senso di spaesamento dell’Occidente è fondata su: il rinnovamento dello storicismo crociano, il potenziamento della tecnica profana, la fede nella unificazione socialista del nostro pianeta, la riscoperta della comunità umana e la creazione di un simbolismo civile.
    La nostra civiltà dovrebbe realizzare un ethos universale e laico da condividere, attraverso un nucleo simbolico, con il resto del mondo, in modo da dare il via ad un nuovo umanesimo.
    I valori da mediare e celebrare dovrebbero essere l’aggregazione sociale, la consapevolezza dell’origine e della destinazione umane delle opere culturali, e la presa di coscienza della condizione della presenza.
    L’idea comunitaria ripresa dal mondo primitivo e dalla cultura contadina del Mezzogiorno, cioè da una realtà arcaica e una periferica, è quella di un sistema protettivo forse improponibile nella realtà occidentale in cui la struttura sociale ha spinto l’individuo verso l’autonomia rispetto ad una possibile comunità.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy