Home Sociologia
Home Sociologia
Le elezioni europee in Italia (1994-1999)

Autore
Massimo Piermattei - Università degli Studi di Siena - [2003-04]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 284 pagine
  • Abstract
    La ricerca muove dall'ipotesi di verificare o meno se i partiti italiani considerino o meno le elezioni europee come "second-order elections", quindi come test di verifica delle varie situazioni interne ai vari Stati membri dell'UE. Per fare questo, dopo aver ricostruito i processi storici che portarono al voto europeo, la legge elettorale del 1979 e le successive modifiche, e i cambiamenti portati al sistema partitico italiano tra il 1989 (crollo del muro di Berlino) e il 1993 (offensiva della Mafia, inchiesta Mani Pulite, dissoluzione della DC) la ricerca prosegue con l'analisi della campagna elettorale per le elezioni europee 1994 e 1999 in Italia attraverso lo studio di alcuni quotidiani indipendenti (Corriere della Sera, la Repubblica, La Stampa, Il Sole 24 Ore) e di partito (l'Unità) per studiare i temi oggetto della campagna, le candidature e il contesto in cui si svolge la campagna. la parte successiva della tesi si occupa dei risultati di queste due tornate elettorali per analizzarli e paragonarli con i presupposti e i temi della campagna elettorale e verficare o smentire l'ipotesi di partenza ossia che i partiti strumentalizzino le elezioni europee per fini di politica interna. corollario alla ricerca è un'appendice dedicata alle elezioni europee del 2004 in cui vengono studiate le leggi elettorali dei nuovi Paesi aderenti all'UE dal 1 maggio 2004 giungendo a compilare un'innovativa tabella comprendente tutti e 25 i sistemi di elezioni, incompatibilità, modalità di svolgimento della campagna e accesso ai media...
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy