Home Sociologia
Home Sociologia
Interculturalismo
Il termine interculturalismo ha una valenza progettuale: rinvia ad un impegno comune che ha come fine l'incontro attivo tra soggetti portatori di culture differenti, aperti al dialogo, disposti a modificare e a farsi modificare. L'intercultura è orientata all' arricchimento reciproco finalizzato alla convivenza pacifica e alla ricerca collettiva di soluzioni appropriate per far fronte alle difficoltà del multiculturalismo.

Attraverso l'intercultura è possibile realizzare la transcultura, cioè la capacità di muoversi all'interno di diverse culture senza essere totalmente assorbiti da nessuna di esse; il che è possibile solo quando riconosciamo ogni cultura come espressione di un fondamento comune a ciascun uomo3. Poter transitare tra le diverse espressioni delle società umane significa essersi appropriati dei principi dell'intercultura e saperli esprimere nelle diverse situazioni di incontro con l'altro.

L'intercultura è anzitutto riconoscimento dell'altro e relativizzazione del proprio sistema di valori ed idee (come insegna il relativismo culturale) per evitare di spiegare ed interpretare inconsapevolmente i sistemi di vita degli altri attraverso le nostre categorie concettuali.

Le pratiche interculturali hanno come punto di origine la consapevolezza delle tante diversità che condizionano e connotano lo sviluppo delle società. La transcultura è possibile sullo sfondo di un progetto sociale finalizzato alla costruzione e allo sviluppo di un pensiero aperto, problematico ed antidogmatico. Un pensiero ed una prassi politica capaci di decentrarsi e di allontanarsi dai propri riferimenti valoriali per andare verso nuove culture comprendendo le differenze e le analogie, e di tornare nella propria cultura di riferimento utilizzando l'esperienza del confronto per valutare con maggiore coscienza la propria specificità negli aspetti più o meno positivi. L'intercultura quindi richiede di fare i conti con le proprie contraddizioni interne e di rimuovere le gabbie concettuali che distinguono le "nostre" dalle "loro" pratiche. La necessità di interrogarsi sui propri limiti, di confrontarsi per arricchirsi di nuovi elementi e di cambiare senza perdere la propria identità di riferimento.

Le prassi politiche inter/trans culturali si differenziano perciò da quelle multiculturali perché il loro fine è l'incontro e lo scambio tra culture piuttosto che il riconoscimento dei diritti degli specifici gruppi sociali.
  • Abitudini
  • Accounts (Etnometodologia)
  • Agenda Setting
  • Agil, modello
  • Animismo
  • Anomia
  • Apprendimento
  • Aspettative
  • Assimilazione
  • Attendibilità (metodologia della ricerca sociale)
  • Azione
  • Azioni posite (affermative actions)
  • Brainstorming
  • Burocrazia
  • Centro commerciale integrato
  • Ceto
  • Clandestino
  • Classe
  • Comportamentismo
  • Comunicazione di massa
  • Comunità
  • Conflitto (sociale)
  • Conformismo
  • Connotativo
  • Convenience Goods
  • Coscienza collettiva
  • Costruzionismo
  • Cultura
  • Denotativo
  • Densità
  • Determinismo
  • Devianza
  • Digital Divide
  • Displacement
  • Egemonia
  • Eterogenesi dei fini
  • Etnocentrismo
  • Etnologia
  • Etnometodologia
  • Euristica
  • Evoluzionismo sociale
  • Famiglia
  • Fenomenologia
  • Focus group
  • Folla
  • Frames (Framing)
  • Funzionalismo
  • Genere
  • Gentrification (gentrificazione)
  • Gruppo sociale
  • Guerrilla communication
  • Guerrilla marketing
  • Habitus
  • HDI (Human Development Index)
  • Hobo (Neil Anderson)
  • Idealtipo
  • Impulse Goods
  • Indicalità
  • Integrazione sociale
  • Interazione
  • Interazione comunicativa (Interazionismo simbolico)
  • Interazionismo simbolico
  • Interculturalismo
  • Ipertesto
  • Istituzione
  • Leadership
  • Linguaggio (linguistica)
  • Luogo comune (tόpos)
  • Macrosociologia
  • Marketing one to one
  • Marketing relazionale
  • Metissage (Acculturazione e trasformazione)
  • Metodo comunitario
  • Metodo intergovernativo
  • Mobbing
  • Mobilità sociale
  • Movimenti sociali
  • Multiculturalismo
  • Mutamento sociale
  • Neofunzionalismo
  • News Making
  • Oggettivismo
  • Pari opportunità
  • Partecipazione politica
  • Permission Marketing
  • Pilastri dell'Unione Europea
  • Positivismo
  • Posizionamento (marketing)
  • Profezia autoavverantesi
  • Razionalizzazione
  • Reclutamento
  • Refurbishment
  • Regressione (statistica)
  • Relazione sociale
  • Reverse Marketing
  • Rischio - Società del rischio
  • Rito (o Rituale)
  • Ruolo
  • Seconda generazione
  • Segmentazione (marketing)
  • Segno (linguistica)
  • Serendipity
  • Significante (linguistica)
  • Significato (linguistica)
  • Simplicity marketing
  • Socializzazione
  • Sociogramma
  • Soggettivismo
  • Stalking
  • Stereotipo
  • Straining
  • Stratificazione sociale
  • Strutturalismo
  • Sui generis (Società)
  • Sviluppo umano
  • Tabù
  • Taylorismo
  • Teoria dei crime pattern
  • Teoria dell'etichettamento (labelling theory)
  • Teoria della dependencia
  • Teoria della finestra rotta (Broken Window Theory)
  • Teorie di medio raggio
  • Validità (metodologia della ricerca sociale)
  • Viral marketing (marketing virale)

  • ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy