Home Sociologia
Home Sociologia
Guerrilla marketing
Il termine guerrilla, nell’accezione più comune, nasce “in ambito militare per indicare un particolare tipo di lotta armata, condotta da unità irregolari, contro potenti eserciti regolari”.
Prima ancora di entrare nel linguaggio del marketing, il termine guerrilla è stato adottato da vari gruppi, sia appartenenti al mondo dell’arte (guerrilla art), sia a quello dell’ideologia (comunicazione guerrilla).

Il termine guerrilla entra a far parte del marketing grazie a Jay Conrad Levinson che dal 1989 al 2005, in soli sedici anni, ha scritto più di trenta volumi sulla pubblicità guerrilla e sul guerrilla marketing.
Come per la guerrilla art e la guerrilla communication, anche la pubblicità guerrilla nasce con l’intento di emergere tra miliardi di messaggi pubblicitari ed attirare l’attenzione del consumatore grazie al suo modo di agire e comunicare molto innovativo, solo che in questo caso lo scopo è il profitto.

Le sue tecniche sono originali, non convenzionali, imprevedibili e fuori da ogni schema: “L’unica regola è non avere regole”
I media utilizzati spaziano dalle installazioni, a stickers appiccicati ovunque, agli stamps sui muri, a flyers particolarmente originali, fino ad arrivare alle scritte nei posti più impensati, come il fondo di un bicchiere, l’asse all’ingresso di un parcheggio. O la fronte di alcuni ragazzi incaricati di andare in giro per strada e farsi vedere dalla gente.
Ma non solo. Oltre ad inventare nuovi mezzi, la pubblicità guerrilla trova anche nuovi modi per utilizzare i vecchi. Ad esempio, a Tokyo, la Adidas ha utilizzato un cartellone pubblicitario raffigurante un campo di calcio per far giocare due veri calciatori, appesi ad una corda.

Dati i suoi bassi costi, il guerrilla marketing si presta bene per la comunicazione di brand e di prodotto delle piccole aziende che non hanno la possibilità di utilizzare grossi budget per grosse campagne sui media tradizionali. Ma viene abbondantemente utilizzato anche dai megabrand e dalle multinazionali che utilizzano questo metodo per lo più per aumentare la visibilità del marchio.
  • Abitudini
  • Accounts (Etnometodologia)
  • Agenda Setting
  • Agil, modello
  • Animismo
  • Anomia
  • Apprendimento
  • Aspettative
  • Assimilazione
  • Attendibilità (metodologia della ricerca sociale)
  • Azione
  • Azioni posite (affermative actions)
  • Brainstorming
  • Burocrazia
  • Centro commerciale integrato
  • Ceto
  • Clandestino
  • Classe
  • Comportamentismo
  • Comunicazione di massa
  • Comunità
  • Conflitto (sociale)
  • Conformismo
  • Connotativo
  • Convenience Goods
  • Coscienza collettiva
  • Costruzionismo
  • Cultura
  • Denotativo
  • Densità
  • Determinismo
  • Devianza
  • Digital Divide
  • Displacement
  • Egemonia
  • Eterogenesi dei fini
  • Etnocentrismo
  • Etnologia
  • Etnometodologia
  • Euristica
  • Evoluzionismo sociale
  • Famiglia
  • Fenomenologia
  • Focus group
  • Folla
  • Frames (Framing)
  • Funzionalismo
  • Genere
  • Gentrification (gentrificazione)
  • Gruppo sociale
  • Guerrilla communication
  • Guerrilla marketing
  • Habitus
  • HDI (Human Development Index)
  • Hobo (Neil Anderson)
  • Idealtipo
  • Impulse Goods
  • Indicalità
  • Integrazione sociale
  • Interazione
  • Interazione comunicativa (Interazionismo simbolico)
  • Interazionismo simbolico
  • Interculturalismo
  • Ipertesto
  • Istituzione
  • Leadership
  • Linguaggio (linguistica)
  • Luogo comune (tόpos)
  • Macrosociologia
  • Marketing one to one
  • Marketing relazionale
  • Metissage (Acculturazione e trasformazione)
  • Metodo comunitario
  • Metodo intergovernativo
  • Mobbing
  • Mobilità sociale
  • Movimenti sociali
  • Multiculturalismo
  • Mutamento sociale
  • Neofunzionalismo
  • News Making
  • Oggettivismo
  • Pari opportunità
  • Partecipazione politica
  • Permission Marketing
  • Pilastri dell'Unione Europea
  • Positivismo
  • Posizionamento (marketing)
  • Profezia autoavverantesi
  • Razionalizzazione
  • Reclutamento
  • Refurbishment
  • Regressione (statistica)
  • Relazione sociale
  • Reverse Marketing
  • Rischio - Società del rischio
  • Rito (o Rituale)
  • Ruolo
  • Seconda generazione
  • Segmentazione (marketing)
  • Segno (linguistica)
  • Serendipity
  • Significante (linguistica)
  • Significato (linguistica)
  • Simplicity marketing
  • Socializzazione
  • Sociogramma
  • Soggettivismo
  • Stalking
  • Stereotipo
  • Straining
  • Stratificazione sociale
  • Strutturalismo
  • Sui generis (Società)
  • Sviluppo umano
  • Tabù
  • Taylorismo
  • Teoria dei crime pattern
  • Teoria dell'etichettamento (labelling theory)
  • Teoria della dependencia
  • Teoria della finestra rotta (Broken Window Theory)
  • Teorie di medio raggio
  • Validità (metodologia della ricerca sociale)
  • Viral marketing (marketing virale)

  • ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy