Home Sociologia
Home Sociologia
My Work: un'esperienza di telelavoro

Autore
Michela Mantovani - Università degli Studi di Perugia - [2008-09]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 93 pagine
  • Abstract
    In un’epoca in cui la società viaggia a ritmi sempre più veloci grazie alle moderne tecnologie, restare al passo, ed essere sempre aggiornati, costituisce lo stimolo, per le imprese, a mantenere un'elevata competitività in un mercato sempre più internazionale e globale. Oggigiorno non si è competitivi solo attraverso un bene materiale o economico, ma, spesso, attraverso la cultura, il sapere (know-how) come bene intellettuale. Ruolo fondamentale allora sarà la capitale intellettuale: leva strategica delle risorse umane.
    Nel mio elaborato, e più precisamente nel primo capitolo, ho voluto per questo rendere evidente l'importanza del capitale umano nelle aziende come strumento di crescita e punto di partenza per un’innovazione che sia continua. A tal proposito un ruolo fondamentale lo acquista la formazione, che non deve cessare mai, bensì essere lungo tutto l'arco della vita, al fine di essere sempre aggiornati e pronti ad affrontare le sfide del cambiamento. John Dewey ci insegna che «La pura ragione, come mezzo per arrivare alla verità è come un ragno che tesse la tela con la propria seta: la tela è ordinata e complessa, ma è soltanto una trappola. L'accumulo passivo di esperienze – il metodo empirico tradizionale – somiglia alla formica che corre avanti e indietro, raccoglie e accumula materie prime. Il vero metodo, quello che Bacone avrebbe introdotto, è paragonabile all'attività dell’ape che raccoglie materia prima dal mondo esterno come la formica, ma, diversamente da lei, intacca e modifica la materia raccolta per farne uscire il tesoro che vi è celato». L'accento si sposta quindi sulle persone, a esse è richiesto si essere protagoniste, di investire sulle loro capacità, di creare e di usare le conoscenze in maniera efficace e intelligente su basi in costante evoluzione. Superare i momenti di criticità non è sempre facile soprattutto se ci si trova da soli nel fronteggiarli, è importante allora mettere in sinergia le nostre menti, tramite un apprendimento che sia collaborativo, imparando a “lavorare con gli altri”, proprio come accade in un’orchestra che esegue una partitura. Se si vuole ottenere una migliore esecuzione possibile a ogni musicista, è affidato uno strumento, ognuno è responsabile di un ruolo e, nei tempi stabiliti, deve eseguire la propria parte, raccordandosi con il maestro e con gli altri orchestrali, attraverso una relazione caratterizzata da grande autonomia ma anche da stretta reciprocità. Questo è il punto d’inizio del mio secondo capitolo, nel quale ho tracciato le caratteristiche di una nuova forma lavorativa che prevede proprio grandissima autonomia ma anche una forte collaborazione, una modalità di organizzazione del lavoro che esalta le qualità proprie di ciascun individuo, rendendolo indipendente, più aggiornato e al passo con i tempi: Il telelavoro. All'interno di questo capitolo sono messe in evidenza le grandi potenzialità e positività del telelavoro, ma ovviamente come ogni mezzo tecnologico, ed anche lavorativo oserei dire, porta con sé delle problematiche più o meno sentite dai telelavoratori. Sono passata poi, nel terzo capitolo, alla definizione di un'azienda di piccole e medie imprese, 'Confapi Perugia', la quale facendosi forte della rivoluzione tecnologica tuttora in atto nella nostra società, sta offrendo grandi opportunità di crescita prima assolutamente impensabili, con il “My Work!”, un programma pionieristico creato sulla base del work from home, in altre parole il lavoro svolto attraverso l'uso di attrezzature telematiche e mediante il decentramento logistico delle persone che lo svolgono, operando direttamente presso le aziende che possono così beneficiare del supporto on demand di ogni singolo funzionario, o dalle proprie abitazioni. Un progetto rivoluzionario che mette in luce molti punti di forza, attese future e altre opportunità che riguardano l'intera società lavorativa e non. È per me doveroso a questo punto, all'interno del quarto capitolo, rendervi ancor più partecipi della potenza di cambiamento che ha portato con sé il My Work! compiendo un'intervista ai dipendenti della Confapi Perugia, dove ho chiesto loro di darmi in sintesi una panoramica sui benefici che hanno ricavato, gli eventuali disagi, le impressioni sul telelavoro, e i loro commenti personali su questa esperienza.
    Termino infine con un pensiero personale sul lavoro da me svolto e più in generale sulla potenza delle innovazioni tecnologiche. Vi auguro buona lettura e che potrete trovare interessante il mio elaborato e altresì ricavarne uno spunto per abbracciare la formazione e l'innovazione ai fini di un miglioramento qualitativo e quantitativo della vita.
    Questa tesi è correlata alla categoria
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy