Home Sociologia
Home Sociologia
L'etica protestante e lo spirito del capitalismo: la recezione della teoria weberiana nella storiografia del Novecento

Autore
Vincenzo Cirillo - Università degli Studi di Napoli - Federico II - [2004-05]
Documenti
  • Preview
  • Indice
  • Bibliografia
  • Tesi completa: 226 pagine
  • Abstract
    La Germania di inizio Novecento rappresenta uno dei paesi con il più alto livello di industrializzazione e crescita economica; in questo ambiente di spasmodico sviluppo, si moltiplicarono gli studi che cercarono di analizzare e capire la genesi di quel fenomeno chiamato Capitalismo, che si stava propagando in tutto il Paese. Tra questi studiosi occupa un posto di rilievo Max Weber che nel 1905 pubblicò il saggio L’etica protestante e lo spirito del capitalismo, con lo scopo di proporre una attenta analisi sulla nascita e lo sviluppo del capitalismo. Partendo da questa opera si è cercato, soprattutto, di capire se la religione abbia davvero avuto un ruolo di incentivo o di ostacolo nello sviluppo capitalistico sia delle nazioni occidentali che orientali. Ormai sono passati più di cento anni dalla pubblicazione de L’etica protestante e lo spirito del capitalismo, ma il suo contenuto continua ancora ad affascinare gli storici, nonostante ci siano state e ci sono ancora molte controversie sulla teoria weberiana.
    Questa tesi è correlata alle categorie
    ARTICOLI AUTORI LIBRI DOSSIER INTERVISTE TESI GLOSSARIO PROFESSIONI LINK CATEGORIE NEWS Home

    La redazione è a tua disposizione dalle ore 9:00 alle ore 18:30 (dal lunedì al venerdì) - tel. 039 6188014 Skype Me™! Tesionline Srl P.IVA 01096380116   |   Pubblicità   |   Privacy